bosco ovile- castello povera vita
bosco ovile- castello povera vita
Territorio

Parchi per il clima: oltre 3 milioni di euro al Parco dell'Alta Murgia

A Gravina interventi al Bosco Ovile del Castello Povera Vita

Con un investimento di oltre 3 milioni di euro il Ministero della Transizione Ecologica ha approvato i sei progetti del Parco dell'Alta Murgia presentati nell'ambito di Parchi per il clima 2021, il programma di misure per l'efficientamento energetico, la mobilità sostenibile, la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici. In particolare, saranno oggetto di interventi il Bosco di Monte Cucco (Grumo Appula), il Bosco Ovile del Castello Povera Vita (Gravina in Puglia), Bosco Cecibizzo (Corato), i centri visita Torre dei Guardiani (Ruvo di Puglia) e Masseria Galietti (Santeramo in Colle) e la Stazione Carabinieri Parco di Andria.

«Le misure di Parchi per il clima – dichiara Francesco Tarantini, presidente del Parco – consentiranno di mettere al sicuro dal rischio incendi diverse aree boschive, riqualificandole e attenuando l'impatto dei cambiamenti climatici. Inoltre, per razionalizzare il consumo di risorse e aumentare la produzione di energia da fonti rinnovabili, ben tre strutture vedranno interventi di efficienza energetica, tra queste i centri visita strategici Torre dei Guardiani e Masseria Galietti».

L'obiettivo è ridurre le emissioni e adattare l'ambiente al clima che cambia. Con i fondi messi a disposizione dal MiTE (in totale 3.144.093,757 euro) si interverrà con azioni di sistema a difesa della natura e della biodiversità. I tre boschi di conifere saranno oggetto di interventi di gestione selvicolturale per prevenire gli incendi boschivi e favorire i processi di evoluzione ecologica, incrementando la resilienza al passaggio del fuoco. I progetti riguardanti Torre dei Guardiani, Masseria Galietti e la Stazione Carabinieri Parco di Andria sono volti all'efficienza energetica delle strutture, per la produzione di energia da fonti pulite e rinnovabili.

Nell'ambito di Parchi per il clima l'ente ha inoltre avviato un bando per l'installazione di impianti fotovoltaici nei comuni del Parco, per favorire la realizzazione di Comunità Energetiche Rinnovabili con un contributo del MiTE di un milione di euro. A ciò si affiancano altri due progetti nell'ambito degli investimenti previsti dalle Zone Economiche Ambientali (ZEA), per l'installazione di compostiere di comunità e il sistema a tariffazione puntuale con un contributo già ricevuto di oltre 300mila euro, incentivando i comuni a una gestione sostenibile dei rifiuti. Ad oggi ben dodici comuni su tredici sono da definirsi virtuosi, grazie all'avvio della raccolta differenziata porta a porta.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Ente Parco Nazionale dell'Alta Murgia
Altri contenuti a tema
Parco Alta Murgia nella collana “Le Guide di Repubblica” Parco Alta Murgia nella collana “Le Guide di Repubblica” 216 pagine ricche di suggestioni tra itinerari d’autore, del gusto, personaggi del mondo contadino, della cultura e dello spettacolo
Un’opera di Colonna tra i doni ad Alberto di Monaco Un’opera di Colonna tra i doni ad Alberto di Monaco Un quadro che raffigura il castello del Garagnone
Alberto II di Monaco fa tappa nel Parco dell'Alta Murgia Alberto II di Monaco fa tappa nel Parco dell'Alta Murgia Incontro con i sindaci alla rocca del Garagnone. Dedicata una targa stradale
Cinghiali, ancora sospese le catture Cinghiali, ancora sospese le catture Si prospetta un'altra annata agricola e orticola con la difficile convivenza
Principe Alberto II di Monaco fa tappa nel Parco dell'Alta Murgia Principe Alberto II di Monaco fa tappa nel Parco dell'Alta Murgia Tappa alla rocca del Garagnone
Prima applicazione per seguire gli insetti impollinatori Prima applicazione per seguire gli insetti impollinatori Il test nella Foresta Mercadante: partecipano tutti i parchi nazionali, Ministero e Ispra
Rimossi rottami di auto dalla grave di Faraualla Rimossi rottami di auto dalla grave di Faraualla Una delle grotte più affascinanti dell'Alta Murgia. Sul fondo numerose autovetture
Deposito scorie: tutto ancora riservato, un silenzio che preoccupa Deposito scorie: tutto ancora riservato, un silenzio che preoccupa Tutti gli enti e i geologi ribadiscono il "no" per Gravina e per la Murgia
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.