Nucleare, mappa di Gravina
Nucleare, mappa di Gravina
Territorio

Nucleare: area scelta è a ridosso del bosco di Gravina

Unanime il "no" della politica: commenti di Emiliano, Stea, Lega e Pd

E' a ridosso del bosco Difesa Grande - sito di importanza comunitaria (Sic) e zona di protezione speciale (Zps) - l'area individuata a Gravina e inserita nella Cnapi (carta nazionale) tra i luoghi potenzialmente idonei per localizzare il deposito nazionale nucleare (nella mappa in verde chiaro). Ricade, quindi, in un territorio fortemente vincolato e di forte pregio ambientale, a ridosso pure del Parco nazionale dell'Alta Murgia.

Un coro unanime dal mondo della politica per dire no all'eventualità di collocare un deposito di scorie nucleari sulla Murgia. A partire dal governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ha voluto far sentire a Roma il suo dissenso sulla decisione. "Apprendiamo a 'cose fatte' e a distanza di anni, dell'inclusione di alcuni comuni pugliesi e lucani tra i siti in cui stoccare residui radioattivi"- ha detto Emiliano, ribandendo che "non si può imporre, ancora una volta, scelte che rimandano al passato più buio, quello dell'assenza della partecipazione, dell'umiliazione delle comunità, dell'oblio della storia e delle opportunità".

"La nostra contrarietà a questa opzione è ferma e netta. Il nostro modello di sviluppo è improntato sulla tutela dell'ambiente e della salute"- ha concluso il governatore pugliese, preannunciando la volontà del governo regionale di svolgere " tutti gli approfondimenti tecnici del caso, geologici e ambientali, per motivare anche sotto questo aspetto l'incompatibilità di questa scelta irragionevole che contrasteremo in ogni sede".

Sulla stessa lunghezza d'onda "I popolari con Emiliano" dell'assessore Gianni Stea, che definiscono "vergognosa" la Carta dei siti potenzialmente idonei alla costruzione del Deposito nucleare nazionale. "Una mappa che individua la maggior parte delle aree idonee allo stoccaggio nel Mezzogiorno del nostro Paese"- commenta Stea, che boccia senza se e senza ma la Cnapi. "A questa, che noi riteniamo una provocazione, diciamo no e siamo pronti, noi Popolari con Emiliano, ad alzare le barricate per respingere al mittente veleni che non ci appartengono"- conclude l'assessore regionale.

Anche la Lega per Salvini del territorio si dice contraria alla collocazione dei depositi di scorie nucleari sulla Murgia. "Giù le mani da Gravina e dalla Murgia" -affermano in un comunicato congiunto il consigliere della città metropolitana di Bari, Fabio Romito ed il responsabile cittadino della Lega, Lorenzo Carbone. "Contestiamo il metodo di una scelta comunicato di notte, come fuggiaschi, nel pieno di una crisi di Governo e alla confusione generata dai DPCM. Che sia una nuova strategia della tensione?"- sostengono provocatoriamente i due esponenti leghisti.

Anche il consigliere metropolitano Mimmo Cardascia ha voluto esprimere il suo dissenso, lanciando il suo commento dai social. "Gravina e Altamura sono città a vocazione ambientale e turistica: hanno bisogno di risorse, non di discariche nucleari"- ha scritto sulla sua pagina facebook il consigliere gravinese dei Dem. Insomma, tutti concordi sulla necessità di respingere al mittente la proposta del Governo Centrale, pronti a qualsiasi forma di resistenza, per far valere le ragioni del territorio e delle sue comunità.
  • Scorie
  • Mimmo Cardascia
  • Michele Emiliano
  • Scorie nucleari
  • Gianni Stea
  • Lega
Altri contenuti a tema
Più risorse per bonifica aree da rifiuti abbandonati Più risorse per bonifica aree da rifiuti abbandonati Emiliano e Maraschio scrivono al Ministro Pichetto Fratin e al Presidente Morrone
Emiliano promulga leggi regionali in materia di Sanità Emiliano promulga leggi regionali in materia di Sanità I testi delle leggi sono stati inviati al Bollettino Regionale per la pubblicazione.
Nel 2024 la Regione Puglia assumerà 152 unità Nel 2024 la Regione Puglia assumerà 152 unità Commento dell’assessore Stea sul Piano Triennale del Fabbisogno di Personale
Nucleare: un Comune del Piemonte vuole deposito nazionale di scorie Nucleare: un Comune del Piemonte vuole deposito nazionale di scorie Favorevole il ministro all'ambiente. Gravina ha ribadito il "no"
Deposito Scorie, FI Gravina esprime la propria contrarietà Deposito Scorie, FI Gravina esprime la propria contrarietà Documento del coordinamento cittadino di Forza Italia contro il Deposito nucleare
Deposito scorie, Gravina ribadisce il suo “No” Deposito scorie, Gravina ribadisce il suo “No” Il consiglio comunale licenzia un documento unitario riaffermando la propria contrarietà
Deposito scorie, indetto Consiglio comunale monotematico Deposito scorie, indetto Consiglio comunale monotematico L’amministrazione comunale intende ribadire la propria contrarietà
Scorie, ribadito il “no” dal comitato di consultazione popolare Scorie, ribadito il “no” dal comitato di consultazione popolare Assoluta contrarietà all’ipotesi di un deposito nazionale di scorie radioattive sul territorio di Gravina
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.