Droga
Droga
Cronaca

Nascondevano erba in giardino

Presi un 18enne e un 17enne. Ufficio Stampa - Carabinieri di Bari

Nascondevano marijuana in cantina e per questo un neo maggiorenne è finito in carcere ed un minore è stato denunciato. È la scoperta fatta nel pomeriggio di ieri a Gravina di Puglia, dove i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato il 18enne G. T., già noto alle Forze dell'Ordine ed un 17enne, entrambi del luogo e accusati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
I militari, durante uno specifico servizio, si sono appostati nei pressi dell'abitazione del 18enne, dove era stato notato uno strano movimento di giovani tossicodipendenti ed i risultati positivi non sono mancati. Un individuo, successivamente identificato nel 17enne, è sceso nello scantinato e, pochi minuti più tardi, è risalito portando in mano qualcosa. Per questo motivo i carabinieri sono usciti alo scoperto ed hanno bloccato il ragazzo. La sua perquisizione ha consentito il rinvenimento di due dosi di marijuana, del peso di circa 11 grammi e di un bilancino elettronico di precisione, oltre ad un mazzo di chiavi, tra cui quella per accedere allo scantinato. Subito dopo è giunto anche il 18enne, ovvero colui che ha in uso lo scantinato ed in sua presenza gli operanti hanno proceduto alla perquisizione del locale, nel corso della quale è stato rinvenuto un ulteriore involucro, contenente 5 grammi della stessa sostanze stupefacente, confezionato allo stesso modo di quelli rinvenuti in precedenza, nascosto sotto un materasso lì accantonato, oltre al materiale utile per il confezionamento delle dosi. Inevitabile, a questo punto, è scattato l'arresto per il maggiorenne e il successivo trasferimento nel carcere barese, mentre il minore è stato deferito all'Autorità Giudiziaria competente per gli stessi reati.
    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.