pallone iii
pallone iii
Associazioni

Il “pallone” gravinese sulla strada del riconoscimento regionale

Avviato l’iter per la tutela di questa specialità locale nell’alveo dei prodotti tradizionali

Il tipico formaggio locale, noto volgarmente col nome di "pallone" gravinese, potrebbe diventare ufficialmente una delle specialità pugliesi tutelate dal massimo ente regionale. L'idea è partita dal Consorzio degli Operatori dell'Agroalimentare della Murgia che nelle scorse settimane ha provveduto ad avviare l'iter di riconoscimento del prodotto caseario quale specialità tradizionale garantita dalla Regione Puglia.

Il lavoro preparatorio, finalizzato alla raccolta di tutti i dati tecnici, ha coinvolto i maestri casari più anziani della comunità i quali, di concerto coi dirigenti del suddetto Consorzio, hanno stilato un dettagliato disciplinare di produzione. Lo stesso CDA del Consorzio ha definito poi le modalità di adesione dei produttori che intenderanno aderire al progetto di filiera per beneficiare dell'utilizzo del marchio e delle azioni di marketing conseguenti che il Consorzio dovrà andare a definire prossimamente.

"Abbiamo deciso di mettere a frutto il lavoro svolto negli ultimi anni proiettato verso l'internazionalizzazione dei prodotti di nicchia, tipici, biologici e tradizionali del nostro territorio – fanno sapere dal C.O.Agri Murgia –. Abbiamo messo a disposizione degli uffici preposti della Regione Puglia tutto il materiale che darà avvio all'iter di riconoscimento del "Pallone" di Gravina quale prodotto tradizionale pugliese. L'augurio – proseguono i rappresentanti del Consorzio – è quello di vedere affiancati a questo lodevole progetto enti e amministrazioni locali di tutti i livelli che intendano veramente dare slancio all'economia agroalimentare locale. Siamo convinti che questo prodotto, che proseguirà il suo iter verso una certificazione più autorevole, possa fungere da apripista per tutto il mercato agroalimentare locale così come e' successo per il Pane di Altamura che ha svegliato l'interesse non sono dei partecipanti al consorzio di tutela, ma di tutta una comunità che dell'agroalimentare ne ha fatto un settore portante per un'itera economia locale".
  • Michele Capone
  • Il pallone gravinese
  • Asso.T.Im.
Altri contenuti a tema
Zona artigianale: troppe buche e tombini scoperti Zona artigianale: troppe buche e tombini scoperti L'Asso.T.Im. scrive al sindaco Valente
Un mercato attrezzato in piazza Pellicciari? Un mercato attrezzato in piazza Pellicciari? L'idea della Confcommercio piace all'amministrazione comunale
Bit: la Puglia spopola Bit: la Puglia spopola Ma Gravina non c'è. Il Parco nemmeno.
Tarsu: Confcommercio invita gli imprenditori a collaborare Tarsu: Confcommercio invita gli imprenditori a collaborare Il presidente Capone sugli accertamenti: "Ognuno faccia la propria parte"
Scoppia il caso "Murgia Informatica" Scoppia il caso "Murgia Informatica" Interrogazione di Varrese sul rimborso degli oneri concessori alla società
I commercianti alzano la voce I commercianti alzano la voce Due iniziative per rispondere alla crisi
Il Natale divide i commercianti gravinesi Il Natale divide i commercianti gravinesi Confcommercio: "Vendite in calo"
Arriva il rapporto sullo stato di salute delle imprese baresi Arriva il rapporto sullo stato di salute delle imprese baresi Ma nel report di Gravina non c'è neanche il nome
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.