Autobus FAL
Autobus FAL

Viaggio da incubo

Segnalazione S. G.

Sono uno studente pendolare che come tanti, usa i mezzi F.A.L. nella tratta GRAVINA - BARI e vorrei farvi presente quanto, molto spesso, accade su quei mezzi inoltrandovi la segnalazione inviata oggi al servizio qualità F.A.L.

Vi scrivo per segnalare la scarsa qualità del vostro servizio offerto con la corse automobilistica per la tratta Gravina - Bari del 04/11/2012 ore 17:48.
Al capolinea di Gravina in Puglia, presso il piazzale delle Ferrovie dello Stato è arrivato un solo autobus. Il conducente dell'autobus, che a sentire i passeggeri non è nuovo a queste performance, imprecando verso i viaggiatori e invitandoli a "vergognarsi per il loro voler viaggiare gratis" anche se "quasi" tutti eravamo muniti di biglietto, ha ritardato la partenza dell'autobus di 20 minuti poiché ha obliterato egli stesso ogni singolo biglietto. A riguardo è opportuno che specifichi il "quasi" che si riferisce a tre signori palesemente ubriachi di cui uno sanguinante e gli altri due con bottiglie di vino alla mano, e non il biglietto, che comunque sono stati fatti salire dall'autista e che hanno viaggiato da Gravina in Puglia a Modugno gratuitamente. Dopo aver consumato vino durante la tratta e dopo aver sputato su una ragazza sono stati accompagnati fuori dall'autobus grazie all'intervento di un ragazzo a bordo.

Tornando al viaggio. Già alla prima fermata a Gravina in Puglia l'autobus era colmo oltre la sua portata; passeggeri e bagagli hanno viaggiato nella stessa corsia del mezzo poiché il vano sottostante adibito al deposito bagagli oltre ad essere inadeguato era stracolmo.
Finalmente alle 18:20 circa, siamo partiti dalla stazione di Gravina in Puglia e dopo varie fermate e sballottamenti dovuti al precario modo di guidare dell'autista impegnato a voltarsi verso noi passeggeri per ricordarci di doverci vergognare, siamo arrivati ad Altamura. Giunti ad Altamura le fermate, dato che non venivano rispettate dall'autista, dovevano essere richieste con incitamenti vocali da stadio. Cosa che si è ripetuta anche per le fermate di altri paesi, Bari compresa, e ad ogni fermata la gente che attendeva l'autobus o è stata rallentata nella salita dall'autista e dalla presenza dei passeggeri ammassati con le valigie, oppure ha rinunciato a salire sull'autobus scegliendo altri e più opportuni mezzi.

Partiti da Altamura alle 18:30, l'autista sempre imprecando, ha probabilmente intuito il palese ritardo accumulato e allora ha deciso di accelerare i tempi di percorrenza aumentando la velocità, frenando all'improvviso lungo la statale 96, saltando anche alcune fermate, facendo anche una indeliberata retromarcia in un paese durante la quale è stata anche tamponata un automobile parcheggiata.
Ma giunti alle 20.20 a Bari credete sia stato diverso? Affatto!

Giunti alla prima fermata di Bari ,Via Camillo Rosalba, il vostro autista decide che per noi non è ancora giunto il momento di terminare il viaggio e quindi, fermato l'autobus chiede, a chi dovesse scendere, di farlo dall'uscita anteriore per un ulteriore controllo del titolo di viaggio, incurante del fatto che la gente in piedi e quella seduta era impossibilitata in una qualsiasi manovra causa il sovraffollamento le valigie che ostruivano la corsia. A questo punto solo un insurrezione generale ci ha permesso di concludere il viaggio.
E' stato così che, finalmente alle ore 20:30 son potuto scendere alla prima fermata di Viale Unità d'Italia dove anche il ritiro del baglio dall'apposito vano si è reso pericoloso, poiché l'autista è ripartito quasi strattonandomi, nel mentre stavo per chiudere il portellone del vano.

Ora avrei da porvi alcune domande:
1) Data la scarsissima qualità del vostro servizio ferroviario e automobilistico dovuta alla fatiscenza e precarietà dei vostri mezzi nonché alla scortesia e ozio del vostro personale, siete davvero sicuri che il giusto prezzo del titolo di viaggio per la tratta GRAVINA -BARI sia 3,90 euro?
2) Quando avremo l'opportunità di viaggiare decentemente?
3) Possibile che solo se a riguardo si aprisse un caso mediatico - ad es. segnalando tali abusi prima che a voi, direttamente ai media - la situazione potrebbe cambiare?
4) E come ultima cosa, possibile che avete bisogno di segnalazioni per conoscere la situazione del servizio che voi stessi fornite?

© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.