Domenico Romeo Morisani
Domenico Romeo Morisani
Passeggiando con la storia

Ricordo del cantante lirico Domenico Romeo Morisani

Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari

La scheda biografica di questo "illustre sconosciuto" gravinese è stata tratta dal Conservatorio di Musica Francesco Cilea di Reggio Calabria. "Nato l'8 ottobre 1900 a Gravina in Puglia da una antica e distinta famiglia calabrese, il basso Domenico Romeo Morisani manifestò fin da giovanissimo particolare predisposizione alla musica. Di un suo illustre antenato reggino, il Cantore Mons. Giuseppe Morisani (1720 - 1777), l'Arcivescovo Antonio Maria De Lorenzo, storico e archeologo, ebbe a scrivere: "Fu un grande reggino il Morisani, anzi, il più grande dei tempi moderni.... Autore del De Primicereis et Cantoribus corumque in Ecclesia scolis diatriba, nel suo fondamentale testo sottolinea l'importanza della musica come componente essenziale del servizio liturgico". Questo legame fatto di amore per la musica unisce a distanza di duecento anni il sapiente Cantore ed il grande Basso lirico.

Quasi quarant'anni di vita artistica di Morisani sui più prestigiosi palcoscenici lo vedono passare dal teatro Carlo Felice di Genova nel 1925 a Caracas nel 1927, all'Avana nel 1929, al Cairo nel 1932. E poi al Maggio Musicale Fiorentino, all'Arena di Verona, alla Scala di Milano, al Verdi di Trieste, a Lima, Parigi, al Petruzzelli di Bari, al San Carlo di Napoli, all'Opera di Montecarlo, a Bogotà, Bilbao, Rio de Janeiro, al Regio di Parma, alla Fenice di Venezia, al Massimo di Palermo, al Cilea di Reggio Calabria, dove nel 1951 cantò in Aida con Maria Callas; una lunga, appassionante carriera ricca di applausi e successi. In America Latina, a soli 27 anni, venne insignito del titolo di Caballero per i suoi alti meriti artistici.

Prese parte, tra l'altro, alla prima assoluta dell'opera Orseolo di Ildebrando Pizzetti, nel 1935 al Comunale di Firenze, con Lamberto Bergamini e Giulietta Simionato, direttore Tullio Serafin.
Nel 2005, 25° Anniversario della scomparsa, il Conservatorio di Musica Francesco Cilea di Reggio Calabria lo celebrava con un Convegno che tratteggiò la figura dell'uomo e dell'artista, la cui la relazione centrale fu svolta dal dott. Oreste Arconte, drammaturgo, poeta e giornalista reggino.

Nel 2007, in occasione della presentazione del volume di quest'ultimo su Morisani, tenutasi sempre nel nostro Conservatorio, ebbe luogo un secondo incontro di studio sull'Artista nato da genitori reggini, che dalle cronache dei principali giornali dell'epoca emerge come uno dei più grandi interpreti del melodramma italiano del secolo scorso. Per l'occasione, un ritratto ad olio che raffigura il celebre cantante, opera del valente pittore italo-argentino Marcelo Rizzo, fu donato al nostro Conservatorio dal Comune di Sant'Alessio in Aspromonte e dal Centro Internazionale di Arte - Cultura - Scienza, Foyer des Artistes di Roma.

Circa il ritratto, il Soprintentente speciale per il Polo museale romano, Prof.Claudio Strinati, scrisse: «... Rizzo ha visto il celebre Basso quale uomo che ha esaltato al massimo livello, grazie al suo eccezionale talento, le qualità e gli ideali del tempo della propria giovinezza. Il fisico maestoso, la concentrazione romantica dell'espressione, lo sguardo che lo porta fuori dal quadro stesso nella contemplazione della propria vita sono altrettanti aspetti tutti compresi in quella posa di conturbante seduttore, inteso nel senso più alto e eletto, di colui che è in grado con la propria personalità di attrarre a sé il plauso e l'entusiasmo di coloro con cui entra in contatto, per le sue doti umane e artistiche».

Il M° Francesco Ernani, Sovrintendente del Teatro dell'Opera di Roma, ebbe a scrivere: "L'arte del basso Morisani seppe diventare, nella vita del Teatro d'opera italiano, un importante punto di riferimento. La sua carriera d'artista, sotto la bacchetta di insigni direttori, si è svolta per oltre 35 anni, con continuità e successi, sia sul piano dei palcoscenici nazionali, sia su quelli internazionali. L'espressione del canto di Domenico Romeo Morisani, intelligente interprete, fu sempre capace, secondo la critica del tempo, di ben corrispondere ai diversi ruoli che gli furono affidati". Terminò i suoi giorni in Milano, il 21 aprile 1980, per espresso suo desiderio, riposa nel Cimitero di Gallico (Reggio Calabria)". In questa stessa zona, della città, il 20 agosto del 2019, quella che veniva denominata piazza Focà è stata intitolata piazza Domenico Romeo Morisani, in onore del cantante lirico apprezzato in tutto il mondo.

"Uomo dal carattere difficile e ribelle, felice di stare al mondo, di bell'aspetto e dal fisico prestante, occhi fulminanti, incarna perfettamente l'immagine del meridionale sempre raffinato e galante che si è distinto per il garbo che gli era proprio, la cui accattivante risata forte e poderosa invadeva la casa coinvolgendoci tutti". È il ricordo che il nipote dott. Antonio Lazzarino de Lorenzo ha di Domenico Romeo Morisani, basso di origini gallicesi del quale Carmelo Neri e Arrigo Valesio hanno curato una biografia "Domenico Romeo Morisani – vita e arte del famoso basso calabrese" edito da La città del Sole Reggio Calabria , dicembre 2020.
2 fotoDomenico Romeo Morisani
Domenico Romeo Morisani nel quadro di Marcelo Rizzo FotoDomenico Romeo Morisani dal Don Carlo di Giuseppe Verdi Foto
  • Giuseppe Massari
Altri contenuti a tema
Il Pontificato domenicano di Benedetto XIII Il Pontificato domenicano di Benedetto XIII Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Carlo d'Angiò devotissimo di San Nicola di Santa Maria Maddalena e l'epoca d'oro della Basilica di Bari Carlo d'Angiò devotissimo di San Nicola di Santa Maria Maddalena e l'epoca d'oro della Basilica di Bari Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Francesco Antonio Calderoni Martini, Sindaco, padre di Michelangelo e Pasquale Francesco Antonio Calderoni Martini, Sindaco, padre di Michelangelo e Pasquale Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
La Pasqua di Papa Orsini a Benevento La Pasqua di Papa Orsini a Benevento Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Sr Teresa Quaranta Terza Superiora Generale delle Suore del Sacro Costato Sr Teresa Quaranta Terza Superiora Generale delle Suore del Sacro Costato Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Ludovico Maiorana o Maiorani  vescovo di Castellammare di Stabia Ludovico Maiorana o Maiorani vescovo di Castellammare di Stabia Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Vincenzo Ragni vescovo di Oppido Mamertina Vincenzo Ragni vescovo di Oppido Mamertina Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
La madre gravinese di San Francesco de Geronimo La madre gravinese di San Francesco de Geronimo Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.