madre Giuseppina Masnini
madre Giuseppina Masnini
Passeggiando con la storia

La presenza delle Suore “Ancelle del Santuario” nel Ricovero di Mendicità e nell’Ospedale

Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari

Un tempo, e fino a qualche anno fa, nella nostra città, vi era una presenza abbastanza consistente, considerevole e notevole di comunità religiose femminili, oltre a quelle fondate in loco, che pure rimangono, sia pure ridimensionate. Il riferimento è alla Congregazione delle Suore Missionarie del Sacro Costato, fondata dal sacerdote medico Don Eustachio Montemurro e alla Suore Missionarie di Gesù Crocifisso, fondate dal vescovo Mons. Giovanni Maria Sanna.
Delle famiglie religiose di vita attiva, un tempo presenti nella nostra città, e che hanno educato, formato intere generazioni, con l'intenso apostolato quotidiano tra la gente povera, umile, bisognosa, ammalata, è giusto ricordare la presenza delle Suore Stimmatine, delle Betlemite, delle Ancelle del Santuario, delle Suore Francescane del Signore. Le Stimmatine, in piazza San Domenico, fino alla loro partenza da Gravina hanno gestito un orfanotrofio femminile, un asilo, oltre ad una scuola di ricamo.
Le Betlemite, ebbero, purtroppo, breve vita, ma istituirono, in un appartamento di via Marconi, dirimpetto al ristorante Zia Rosa, un istituto scolastico per le giovani della città. Le Ancelle del Santuario hanno gestito due case: una presso il Ricovero di Mendicità e l'altra presso l'Ospedale Santa Maria del Piede. Le Francescane del Signore, in via Veneto, nei pressi del Comune, dando vita ad un asilo per l'infanzia.
Spulciando tra le carte d'archivio delle Ancelle del Santuario, utilizzate, anche per la pubblicazione, da me curata: Grazie sorelle, per i tipi della Boopen s.r.l., agosto 2008, ci siamo garantiti alcune notizie sulla loro presenza e sulla istituzione di quelle strutture che hanno avuto cura di garantire per lunghi anni. Circa il Ricovero di Mendicità o Ospizio degli Inabili al lavoro, sappiamo che fu fondato in Gravina il 27 ottobre 1889 riconosciuto come Ente morale con Regio Decreto del 22 settembre 1903, è concentrato ed amministrato dalla Congregazione di Carità, giusta Regio Decreto del 31 luglio 1911.
"La casa, nella funzione di Ricovero di Mendicità, presso l'ex Convento di San Sebastiano, fu aperta nel 1904 dalla madre Giuseppina Masnini, sorella del Fondatore Santo Giuseppe Leopoldo Masnini De Cornati, dietro invito di Sua Ecc. Mons. Cristoforo Maiello. Le Suore erano addette all'assistenza degli anziani d'ambo i sessi. Per questa struttura fu predisposto, nell'agosto del 1934 e pubblicato nel 1936, presso la Casa Editrice Liantonio di Bari, un Regolamento di Amministrazione.
Nell'ottobre 1960 essendo molto ridotto il numero degli anziani si istituì, con regolare approvazione, una sezione interna adibita a orfani e fanciulli di disagiate condizioni familiari. Nell'anno scolastico 69/70venne aggiunta anche la Scuola Materna diretta dalle Suore e passata nel 74/75 alle dipendenze del Comune. La casa ha funzionato normalmente con 4 – 5 religiose. E' stata chiusa il 9 novembre del 1982, con apposito verbale di consegna dei locali al Comune, per scarsità di personale religioso".
Dallo stesso archivio attingiamo le notizie riguardanti l'apertura della nuova casa, presso l'Ospedale Civile Santa Maria del Piede, e il decorso storico della istituzione nosocomiale, nonché quello delle varie suore che si sono succedute. "Aperta il 1° maggio 1916, dalla Superiora Generale Madre Carmela Ludretti, a seguito richiesta della Congregazione di Carità del luogo e l'appoggio del Vescovo. Erano state richieste 2 religiose. L'Ospedale fin oltre il 1956 ha funzionato con 3 religiose.
Con l'incremento dei posti letto per gli ammalati da 15-20 a 100, sono state impegnate 5 suore, ridotte poi a 4 per carenza di personale religioso. Nel 1966 la comunità risulta composta da 5 suore. Fino al 1967, la comunità era costituita da Sr. Raffaella Virgilio (Superiora), Sr. Addolorata Di Nichelo e Sr. Gabriella Mastrofilippo e Sr. Maria Pia Tatulli, morta presso lo stesso nosocomio il 16 gennaio 1979.
Nel 1984, la comunità risulta costituita da Sr. Vittoria Paradiso (Superiora), Sr Biagina Manzo, infermiera, Sr. Ersilia Magarelli, che andrà via da Gravina il 1989, Sr. Giustina Stasi cuciniera. Nel 1992 la comunità risulta costituita da Sr. Vittoria, Sr Biagina e Sr.Giustina. Le suore sono state sempre coadiuvate da un buon numero di personale laico. L'attività è cessata il 25.02.2001.
.
8 fotopasseggiando con la storia- La presenza delle suore "ancelle del Santuario"
passeggiando con la storia- La presenza delle suore "ancelle del Santuario"passeggiando con la storia- La presenza delle suore "ancelle del Santuario"passeggiando con la storia- La presenza delle suore "ancelle del Santuario"passeggiando con la storia- La presenza delle suore "ancelle del Santuario"passeggiando con la storia- La presenza delle suore "ancelle del Santuario"passeggiando con la storia- La presenza delle suore "ancelle del Santuario"passeggiando con la storia- La presenza delle suore "ancelle del Santuario"passeggiando con la storia- La presenza delle suore "ancelle del Santuario"
  • Giuseppe Massari
Altri contenuti a tema
La monumentale chiesa di San Francesco nella sua evoluzione storica La monumentale chiesa di San Francesco nella sua evoluzione storica Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
A piedi lungo la Via Appia da Roma a Brindisi A piedi lungo la Via Appia da Roma a Brindisi Tappa a Gravina il 16 ottobre prossimo
Nuova luce sul maestoso organo della Basilica Cattedrale Nuova luce sul maestoso organo della Basilica Cattedrale Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Margherita Gagliardi: sposa, madre, suora Margherita Gagliardi: sposa, madre, suora Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Cesare Brandi: “salvatore” degli affreschi di San Vito Vecchio Cesare Brandi: “salvatore” degli affreschi di San Vito Vecchio Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
La festa di Coluni a Gravina La festa di Coluni a Gravina Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Il conte Umfrido d’Altavilla, benefattore della città e della Chiesa locale Il conte Umfrido d’Altavilla, benefattore della città e della Chiesa locale Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Don Giovanni Leone, un geniale monaco benedettino a Cava de’ Tirreni Don Giovanni Leone, un geniale monaco benedettino a Cava de’ Tirreni Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.