passeggiando con la storia 210422 fiera san giorgio
passeggiando con la storia 210422 fiera san giorgio
Passeggiando con la storia

La Fiera San Giorgio nella sua evoluzione storica, economica e politica

Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari

Se una fonte inesauribile, per ricerche e studi, sono i testi, i documenti d'archivio, è pur vero che chi queste fonti le ha consultate, diventa di per sé un insostituibile punto di riferimento. Nel caso di specie, abbiamo tratto queste notizie da studi e pubblicazioni curate dal professore Fedele Raguso. Nuove acquisizioni documentarie, vecchie e nuove conferme. Questi sono gli aspetti che scaturiscono dalla lettura del Raguso. La fiera S. Giorgio di Gravina è una di quelle più antiche, ma, anche sopravvissute. La sua longevità, la sua continuità, la sua forza attrattiva sono da ascrivere alle sue buone radici, costituite da fattori geocconomici, istituzionali e da particolari con­tingenze storiche.

Nel 1294 Giovanni Monfort, al servizio di Carlo II d'Angiò, fu un convinto sostenitore della fiera S. Giorgio, per la quale ebbe la prerogativa di eleg­gere il maestro di fiera. Un documento, datato Gravina 8 dicembre 1301, riporta l'inventario dei beni posseduti e gestiti dal Monfort, con tutti i diritti amministrativi, finanziari e giudiziari. Tra quest'ultimi rientrò il diritto di elezione del maestro di fiera, che fu ereditato e difeso dagli Orsini, duchi e padroni della città sino al 1810. Alla morte di Monfort il feudo di Gravina ritornò alla Regia Curia e da questa ad Isabella d'Angiò, sorella di Carlo II e regina d'Ungheria, rappresentata in terra gravinese da Uguetto bolognese, vicario e procu­ratore, investito della carica di maestro giurato. Perciò, la fiera continuò a svolgersi e fu una delle tante fiere angioine, promossa da semplice mercato ad appuntamento economico di rilievo, dove si vendevano grandi quantità e tante diversità di prodotti e animali, dove si esponevano i bei cavalli murgiani, allevati nella masseria regia o marestalla, dove si calmieravano i prezzi del grano e dei cereali.

Se a Giovanni Monfort si deve il ripristino della fiera, il rilancio economico, commerciale, turistico e folcloristico lo si deve ai conti Pie­tro e Giovanni d'Angiò. Questi gestirono la contea di Gravina dal 1302 al 1334 ed ebbero particolare cura e sorveglianza sulla "marestalla re­gia", per gli allevamenti dei cavalli. Questi e altri animali delle masserie regie e private di Puglia e Basilicata si aggiunsero al fiorente mercato del grano, orzo, cereali e legumi. La fiera di Gravina divenne il luogo e la circostanza più propizia per fornire la Curia Regia e la città di Napoli di tutte le derrate alimentari e dei giovani puledri.

Da Gravina, infatti, erano richiesti i cavalli migliori per la regia corte. Tanto è attestato daí documenti datati 1305-1310. L'importanza, la vitalità, l'efficacia della fiera S. Giorgio è attestata da altre preziose fonti, in cui si legge a più riprese la presenza di mercanti fiorentini delle compagnie dei Bardi e dei Peruzzi, che in diverse circostanze prestarono soldi al signore Giovanni Monfort, acquistarono cereali ed animali, anticiparono soldi, si trovarono implicati in diversi contenziosi. Da un dispositivo di Carlo II, datato 27 dicembre 1300, sappiamo che Lippo di Firenze, mercante della compagnia dei Bardi, era creditore di 100 once prestate al defunto Giovanni Monfort, signore di Gravi na. Lippo e tal Lapo Blanco, mercanti fiorentini della stessa società dei Bardi, ebbero residenza stabile a Gravina o in Puglia, visto che com­paiono in diversi negozi commerciali e giuridici. Nel 1309 Gregorio, fratello di Giacomo II, vescovo di Gravina, fu costretto a vendere a basso prezzo una gran quantità di animali a Lapo, che si impegnava a rivendere quanto acquistato allo stesso prezzo. Il fio­rentino non rispettò i patti e fu necessario l'intervento del re. Lo stesso Lapo si rifiutò di pagare ai baiuli la tassa dovuta per l'acquisto di vettova­glie e giumenti. Egli insieme a Lippo, si trovò implicato in altra vertenza col dominus Gregorio, che, non potendo pagare un debito, venne incar­cerato e il figlio ucciso. Le società dei Bardi e dei Peruzzi risultarono creditrici in Gravina dei conti Pietro e Giovanni.

Nella città l'affluenza di mercanti e feudatari nei giorni di fiera, era notevole perché si teneva una prestigiosa rassegna e si vendevano i cavalli non utili agli allevatori, alla Curia, al conte. Questi animali furo-no motivo di preoccupazione del re e del feudatario ogni volta che si mettevano in vendita ed in mostra alla fiera, per cui si ordinò la presen­za del Giustiziere con un corpo di cavalleria armata, costituita da baroni e feudatari soggetti al servizio feudale.

La storia e la storiografia sulle fiere non ha conosciuto e non ha mai preso in considerazione l'atto di ripristino della fiera S. Giorgio del 1294, emanato da Carlo II, non ha conosciuto gli importanti documen­ti innanzi riportati, per cui ha accreditato la sua origine all'epoca arago­nese, attribuendole, oltre tutto, una scarsa valenza economica. La si fa risalire al 1436 quando, invece, ci fu la riconferma del privilegio di "fie­ra franca", che Alfonso I d'Aragona aveva concesso a Francesco Orsini, conte di Gravina. Questi riuscì a far rinascere quello che era diventato un mercato consuetudinario, istituzionalizzò la fiera e la sincronizzò con quella di Bitonto e con tutte quelle che si svolgevano in Puglia.

Il privilegio di Alfonso II del 1494 confermò all'Università di Gra­vina tutte le grazie, gabelle, dazi, statuti, consuetudini, mercati e fiere, concessi e confermati dai predecessori: Giovanni d'Angiò, conte di Gra­vina; Giovanna II d'Angiò, regina; Alfonso I d'Aragona; Ferdinando I. Il contesto generale del documento si sostanzia delle donazioni angioine, che consentirono un regime fiscale regolamentato e delle agevolazioni, atti a favorire gli scambi commerciali sempre e, in modo particolare, in occasione della fiera.

Francesco Orsini, richiedente di tale privilegio, si preoccupò di far legiferare anche sui giorni da tenersi in armonia e gemellaggio con la vicina fiera di San Leone di Bitonto: questa doveva precedere quella di Gravina, che poteva iniziare le sue nundine il giorno dopo la chiusura di quella bitontina. Con gli Orsini la fiera S. Giorgio fu organizzata, entrò nel circuito commerciale del Regno, venne qualificata e privilegiata per le contrattazioni dei cavalli e dei cereali. Negli apprezzi la fiera risul­ta tra le voci qualificanti per le sue buone entrate, che favorivano i si­gnori, la Chiesa e i gravinesi. Nel 1608 il tabulario Virgilio De Marino, stimando la città, ebbe modo di dare le ragioni che avevano generato la fiera S. Giorgio e le sue specificità commerciali ed istituzionali.

La città di Gravina, scrisse De Marino, era luogo di transito dei Lucani, dei Calabri, degli Otrantini, dei Baresi, dei Pugliesi che si muovevano all'interno della regione o che si dirigevano verso il Nord. Vi transitavano coloro che dal nord della Puglia e delle regioni limitrofe si dirigevano verso il Sud. Nella città c'era un ufficio postale regionale. In essa accorrevano forestieri dai paesi lon­tani e vicini per vendere e comprare. Portavano dalla marina primizie e pesci, dalla montagna i frutti della Basilicata, riportandosi in cambio grano, formaggi e le tante mercanzie che si producevano. Tutto questo movimento commerciale si intensificava e si organizzava globalmente in occasione della fiera S. Giorgio, che iniziava il l'8 aprile e terminava il 27, governata dal maestro di fiera cittadino, eletto dal duca di Gravi­na.
4 fotopasseggiando con la storia- fiera san giorgio
Carlo II dAngi FotoIl Palazzo Orsini e le bacarelle allestite durante i giorni di fiera FotoLex ingresso monumentale della fiera FotoProspetto esterno della chiesa San Giorgio Foto
  • Giuseppe Massari
Altri contenuti a tema
Il Palazzo Gramegna Spada in corso Aldo Moro e il suo progettista Il Palazzo Gramegna Spada in corso Aldo Moro e il suo progettista Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
8 maggio: il legame tra Monte Sant’Angelo, il cardinale Vincenzo Maria Orsini e Gravina 8 maggio: il legame tra Monte Sant’Angelo, il cardinale Vincenzo Maria Orsini e Gravina La rubrica di Giuseppe Massari
Filippo Lacalamita, Ingegnere comunale di Gravina e Cavaliere di Vittorio Veneto Filippo Lacalamita, Ingegnere comunale di Gravina e Cavaliere di Vittorio Veneto Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Le feste pasquali nella nostra tradizione e storia locale Le feste pasquali nella nostra tradizione e storia locale Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Croce della Passione o del gallo Croce della Passione o del gallo Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Giovanni Consolazione: ritratto di artista Giovanni Consolazione: ritratto di artista Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Chiesa dell’Annunciazione, una delle più antiche della città Chiesa dell’Annunciazione, una delle più antiche della città Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Le nova nouve (i falò) Le nova nouve (i falò) Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.