Passeggiando con la storia-mausoleo Ferdinando Orsini
Passeggiando con la storia-mausoleo Ferdinando Orsini
Passeggiando con la storia

Il monumento funebre a Ferdinando III Orsini nella ducale chiesa del Purgatorio

Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari

Nella Gravina orsiniana le sculture barocche, tra 600 e 700, sono di casa. Ne sono esempi altari, alcuni o molti dei quali, purtroppo, andati distrutti, secondo una moda iconoclastica subentrata con l'avvento modernistico del Concilio Vaticano II, e alcuni monumenti funebri eretti nelle chiese. L'esemplare più famoso è quello destinato a conservare i resti mortali di Ferdinando III Orsini, marito della duchessa Giovanna Frangipane della Tolfa e padre del Papa Benedetto XIII, che si trova ubicato nella Chiesa di Santa Maria del Suffragio, più comunemente nota ai gravinesi come la Chiesa del Purgatorio, per essere stata voluta come cappella funeraria della famiglia ducale.

Don Ferdinando III detto Ferrante nacque a Gravina il 1623 e morì a Napoli il 24-8-1658. Fu l' 11° Duca di Gravina, 2° Principe di Solofra e Conte di Muro Lucano 1641/1660, Nobile Romano e Patrizio Napoletano, 1° Principe di Vallata dal 1653 (feudo acquistato dai del Tufo) e vende Galluccio. Sposa nel 1647 Donna Giovanna Frangipani della Tolfa, figlia di Don Carlo 2° Duca di Grumo e di Fulvia del Tufo Baronessa di Vallata. Alla morte del capostipite, la consorte volle trasferire, a due anni dalla morte, come si legge dalla incisione apposta alla base del manufatto, la salma a Gravina in quella che doveva essere la sede del Monte di suffragio delle anime del Purgatorio.

Sull'imponente mausoleo funerario, su cui molti visitatori si soffermano, senza, probabilmente conoscerne la storia, e su cui molti studiosi hanno concentrato le loro analisi ed approfondimenti didattici e storici, vi sono state e continuano ad esserci contrastanti versioni di attribuzione. Clara Gelao, in una sua pubblicazione del 1986: Un'opera di Andrea Falcone in Puglia, lo attribuisce a questo scultore. E pare che su questa stessa lunghezza d'onda si sia posizionata la professoressa Mimma Pasculli Ferrara, con il suo contributo scientifico: La Ducal chiesa del Purgatorio a Gravina e la committenza degli Orsini, offerto durante il convegno sui Solimena, svoltosi a Nocera Inferiore il 17 e 18 novembre 1990.

Di parere diverso sembra essere Cristiano Giometti. All'interno del catalogo redatto in occasione della recente mostra: Benedetto XIII. Gli Orsini e le arti a Gravina, c'è un suo contributo: Percorsi di scultura barocca nella Gravina orsiniana tra Sei e Settecento. "Riconducibile all'ambito di Fanzago è il monumento funebre di Ferdinando III Orsini, duca di Gravina, padre di Benedetto XIII, conservato nella chiesa di Santa Maria del Suffragio, detta il Purgatorio. A eseguirlo fu Bartolomeo Mori, collaboratore del maestro in più occasioni: da un pagamento datato 30 dicembre 1659, si evince che l'artista aveva pattuito il compenso di 754 ducati per "intiero prezzo del deposito di marmo del quondam Don Ferdinando Orsini Duca di Gravina con tutti li adornamenti attorno con farli il disegno firmato da detto signor Bartolomeo".

Scrive ancora Giometti, nel riportare e citare fonti oltre alla descrizione del manufatto: "Il maestro si impegnava inoltre a consegnare il lavoro alla fine del luglio 1660 e "mandare una persona a sue spese a ponerla in opera nella città di Gravina, alla quale persona la detta Signora Duchessa (Giovanna Frangipane della Tolfa) doverà darli cavalcatura e spese per l'accesso et ricesso". Nel sacello di Ferdinando III i motivi decorativi, scrive ancora Giometti, tipici della grammatica fanzaghesca si snodano con estrema libertà su di un solido impaginato architettonico, improntato al contrasto tra modanature eseguite in marmo bianco e specchiature in bianco e nero di Portovenere.
4 fotoPasseggiando con la storia-mausoleo Ferdinando Orsini
Passeggiando con la storia-mausoleo Ferdinando OrsiniPasseggiando con la storia-mausoleo Ferdinando OrsiniPasseggiando con la storia-mausoleo Ferdinando OrsiniPasseggiando con la storia-mausoleo Ferdinando Orsini
  • Giuseppe Massari
Altri contenuti a tema
La madre gravinese di San Francesco de Geronimo La madre gravinese di San Francesco de Geronimo Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
A 70 anni dalla morte Luca Lagreca sindaco di Gravina, un libro di Massari A 70 anni dalla morte Luca Lagreca sindaco di Gravina, un libro di Massari Il nipote Nicola Lagreca: “Tutta la famiglia e la comunità è grata del lavoro di Pinuccio”
Vita di un cittadino “contadino” amministratore galantuomo Vita di un cittadino “contadino” amministratore galantuomo Giuseppe Massari racconta la storia di Luca Lagreca sindaco di Gravina
Saverio Benchi uno sconosciuto ed apprezzato artista gravinese Saverio Benchi uno sconosciuto ed apprezzato artista gravinese Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Emilio Claudio Buonpensiera, Pittore, Docente di disegno Emilio Claudio Buonpensiera, Pittore, Docente di disegno Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Pompeo Sarnelli  l’amicizia con il cardinale Vincenzo Maria Orsini Pompeo Sarnelli l’amicizia con il cardinale Vincenzo Maria Orsini Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
La storia della Polizia Municipale di Gravina La storia della Polizia Municipale di Gravina Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
A proposito degli affreschi di San Vito Vecchio A proposito degli affreschi di San Vito Vecchio Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.