Benedetto XIII
Benedetto XIII
Passeggiando con la storia

Dal 1588 sono stati proclamati 1726 santi. Quanti e chi canonizzò Papa Benedetto XIII?

Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari

Quanti sono i Santi? Può sembrare facile, ma stabilirlo non lo è affatto. Si possono contare, però, le canonizzazioni effettuate dai diversi Papi dopo che Papa Sisto V aveva istituito la Sacra Congregazione dei Riti nel 1588 con la Costituzione Apostolica Immensa Aeterni Dei. Da quel momento l'atto di proclamazione dei Beati e dei Santi seguì una regola e un processo strutturato che ci permette di sapere con certezza il loro numero. Da allora ad oggi infatti sappiamo che sono stati proclamati 1726 Santi, ma l'andamento dei numeri è tutto fuorchè regolare. Basti pensare che dal 1592 al 1978 per 386 anni i Santi sono solo 302. Tra l'altro la grande maggioranza risalenti al periodo tra il 1846, anno di inizio del pontificato di Pio IX, e il 1978. In precedenza infatti se ne contano solo 64, e dei pontefici succedutisi in quel periodo solo Benedetto XIII tra 1724 e 1730 arriva in doppia cifra, proclamandone 10.

Questo ultimo dato è quello che ci interessa e che prendiamo in considerazione. Il nostro Papa, eletto il 29 maggio 1724 e incoronato il 4 giugno dello stesso anno, ha raggiunto un record rispettabile, in un contesto storico non facile per la vita della Chiesa. 10 santi elevati agli onori degli altari, alcuni dei quali, molti di essi, rinvenienti da lunghi anni di attesa prima di salire i gradini della gloria. Per dare maggiore riscontro a quanto asserito precedentemente, scorreremo i nomi e i cognomi di coloro che hanno avuto il privilegio di essere cinti dall'aureola per volere di Benedetto XIII.

Agnese Segni di Montepulciano (Gracciano, 1268 circa – Montepulciano, 20 aprile 1317) è stata una religiosa italiana, appartenente al secondo Ordine domenicano; il 10 dicembre del 1726 è stata proclamata santa. Giacomo della Marca, al secolo Domenico Gangala (Monteprandone, 1º settembre 1393 – Napoli, 28 novembre 1476), è stato un sacerdote appartenente all'Ordine dei Frati Minori Osservanti (O.F.M.Obs.); è stato canonizzato il 10 dicembre del 1726. Turibio de Mogrovejo (Mayorga, 16 novembre 1538 – Zaña, 23 marzo 1606) è stato un arcivescovo cattolico spagnolo, professore di giurisprudenza a Salamanca, inquisitore a Granada e arcivescovo di Lima per volere di Filippo II. Il 10 dicembre del 1726 fu cinto dall'aureola.

Francesco Solano, (Montilla, 10 marzo 1549 – Lima, 14 luglio 1610), è stato un religioso dell'Ordine dei Frati minori osservanti, missionario presso gl'indios del Cile, di Panama e del Perù; è stato elevato agli onori degli altari il 27 dicembre 1726. Giovanni della Croce, al secolo Juan de Yepes Álvarez ( Fontiveros, 24 giugno 1542 – Úbeda, 14 dicembre 1591), è stato un presbitero e poeta spagnolo, cofondatore dell'Ordine dei Carmelitani Scalzi.
I suoi scritti vennero pubblicati per la prima volta nel 1618. Fu beatificato nel 1675 da Clemente X, proclamato santo il 27 dicembre 1726 e dichiarato dottore della Chiesa da Pio XI nel 1926. La sua memoria è celebrata il 14 dicembre o il 24 novembre. Pellegrino Laziosi, conosciuto anche come Pellegrino da Forlì (Forlì, 1265 – 1º maggio 1345. È considerato il santo più famoso e venerato dell'Ordine dei Serviti. Pellegrino Laziosi fu dichiarato beato da Papa Paolo V il 15 aprile 1609; il 27 dicembre 1726 fu canonizzato da Papa Orsini. L'Ordine dei Servi di Maria ne celebra la festa il 4 maggio.

Luigi Gonzaga (Castiglione delle Stiviere, 9 marzo 1568 – Roma, 21 giugno 1591) è stato un religioso italiano gesuita. Venne beatificato da papa Paolo V il 19 ottobre 1605. Il 31 dicembre 1726 venne canonizzato con un altro gesuita, San Stanislao Kostka (Rostkowo, 28 ottobre 1550 – Roma, 14 agosto 1568). Lo stesso papa lo dichiarò «protettore degli studenti» nel 1729. Da noi, nella nostra cattedrale, si conserva l'intero parato utilizzato per questa sacra funzione.

Margherita da Cortona (Laviano, 1247 – Cortona, 22 febbraio 1297) è stata una religiosa italiana, appartenente al Terz'Ordine francescano secolare. Il 16 maggio del 1728 ascese agli onori degli altari. Giovanni (Jan) Nepomuceno, ovvero di Nepomuk (Nepomuk, prima del 1349 – Praga, 20 marzo 1393), è stato un presbitero boemo, canonico nella cattedrale di Praga e predicatore alla corte di re Venceslao, il quale lo fece uccidere per annegamento. Proclamato santo, nella Basilica di San Giovanni in Laterano, il 19 marzo 1729. E' patrono della Boemia, dei confessori e di tutte le persone in pericolo di annegamento. La sua festa cade il 16 maggio.
10 fotoPasseggiando con la storia i santi proclamati da Benedetto XIII
Passeggiando con la storia  i santi proclamati da Benedetto XIIIPasseggiando con la storia  i santi proclamati da Benedetto XIIIPasseggiando con la storia  i santi proclamati da Benedetto XIIIPasseggiando con la storia  i santi proclamati da Benedetto XIIIPasseggiando con la storia  i santi proclamati da Benedetto XIIIPasseggiando con la storia  i santi proclamati da Benedetto XIIIPasseggiando con la storia  i santi proclamati da Benedetto XIIIPasseggiando con la storia  i santi proclamati da Benedetto XIIIPasseggiando con la storia  i santi proclamati da Benedetto XIIIPasseggiando con la storia  i santi proclamati da Benedetto XIII
  • Giuseppe Massari
Altri contenuti a tema
La singolare storia della chiesa Madonna delle Grazie La singolare storia della chiesa Madonna delle Grazie Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Le foto inedite sul restauro della cripta di San Vito Vecchio Le foto inedite sul restauro della cripta di San Vito Vecchio Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Un libro sul movimento cattolico a Gravina tra XIX e XX secolo Un libro sul movimento cattolico a Gravina tra XIX e XX secolo Il volume di Francesco Parisi ricostruisce mezzo secolo di storia
Michelangelo Calderoni Martini, fondatore Banca cooperativa agraria Michelangelo Calderoni Martini, fondatore Banca cooperativa agraria Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
La Diocesi di Gravina nella sua gloriosa storia La Diocesi di Gravina nella sua gloriosa storia Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
La statua processionale del nostro santo Patrono La statua processionale del nostro santo Patrono Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Il San Michele di Stefano da Putignano Il San Michele di Stefano da Putignano Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
Gli albanesi a Gravina nel XVI secolo Gli albanesi a Gravina nel XVI secolo Rubrica “Passeggiando con la storia” a cura di Giuseppe Massari
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.