Consuntivi delle feste patronali degli anni dal 1833 al 1835
Consuntivi delle feste patronali degli anni dal 1833 al 1835
Passeggiando con la storia

Consuntivi delle feste patronali degli anni dal 1833 al 1835

Passeggiando con la storia, rubrica a cura di Giuseppe Massari

Tra le carte d'archivio della Fondazione Ettore Pomarici Santomasi, Fondo Pasquale Calderoni Martini, ho avuto il piacere di toccare con mano questi preziosi pezzi di carta, riassunti simbolicamente e sinteticamente nelle immagini allegate e relative ai consuntivi delle feste patronali in onore di San Michele Arcangelo degli anni dal 1833 al 1835. Tre anni di storia paesana in cui sono racchiusi non solo i conti, i numeri, ma la specificità, il riferimento a titolari di esercizi commerciali ed artigiani, che contribuivano, economicamente, per la buona riuscita della festa.

Un elenco analitico di barbieri, di sarti, di calzolai, di falegnami, di ortolani, di muratori, di braccianti, chiamati bracciali, di beccari. Un elenco, anche, come si può leggere, di derrate alimentare, tra formaggi, caciocavalli, grano, fave, orzo, maiorica, avena tutte descritte dettagliatamente, che venivano vendute e i cui ricavati si sommavano agli altri introiti. Venivano registrati puntualmente anche gli oboli volontari, chiamati, con il linguaggio dell'epoca, elemosine, di alcuni privati cittadini, così come quelli pubblici "Della Comune".

Oltre i ricavi, anche le spese erano soggette alle stesse minuziose descrizioni. L'esempio più classico è quello riferito alle bande e ai suoi componenti, elencati con dovizia di particolari: sia per quanto riguardava i destinatari che le somme loro elargite e anche le "regalie" al maestro. I soldi che venivano spesi per l'acquisto della cera e quelli che venivano elargiti alla Chiesa. Le spese sopportate per il "Fuochista" o per lì acquisto di mortaretti.

Per il suono delle campane, c'era un costo da sopportare e veniva elargito e registrato, così come l'impiego e il servizio reso dai sagrestani di altre chiese: San Francesco e San Nicola. Nulla veniva trascurato e tutto veniva considerato in quella che si può definire una lezione di trasparenza e di onestà. Uno spaccato storico lucido e coerente, all'insegna di quella che era e doveva essere una rendicontazione alla città e a chi aveva contribuito.

Da questi pezzi di memoria, inoltre, si legge che in occasione della festa del 1833, la processione si fece "nell'ottavo": "Per l'ottavo di S. Michele, mentre nel giorno suo piovve, e non seguì la Processione, ma si seguì nell'ottavo". Un altro elemento da cogliere, dalla lettura di queste carte ingiallite, è il termine usato riferito agli organizzatori della festa. Essi venivano chiamati Deputati, perché facenti parte di quel Comitato che, all'epoca si chiamava Deputazione.

Nel caso specifico, i Deputati che hanno sottoscritto i bilanci definitivi, sono stati sempre e solo due: Filippo Guida e Francesco Gramegna. Un tuffo nella storia del linguaggio ma, anche, in quello della cultura, e della mentalità di concepire la festa patronale festa dei cittadini, per i cittadini, con i cittadini, tra i cittadini.
  • Storia
Altri contenuti a tema
Il 13 dicembre a Gravina tra proverbi, storia e scoperte Il 13 dicembre a Gravina tra proverbi, storia e scoperte Rubrica "Passeggiando con la storia" di Giuseppe Massari
Nunzio Incannamorte, Capitano, Medaglia d’oro al Valor Militare Nunzio Incannamorte, Capitano, Medaglia d’oro al Valor Militare Rubrica "Passeggiando con la storia" di Giuseppe Massari
Francesco Guarini, pittore degli Orsini. Nato a Solofra, morto e sepolto a Gravina Francesco Guarini, pittore degli Orsini. Nato a Solofra, morto e sepolto a Gravina Rubrica “Passeggiando con la storia” di Giuseppe Massari
La famiglia Calderoni Martini si presenta alla città La famiglia Calderoni Martini si presenta alla città Pasquale Calderoni Martini raccontato dal nipote Michelangelo
Vittorio Garzone, Tenente, Pluridecorato Vittorio Garzone, Tenente, Pluridecorato Passeggiando con la storia, rubrica a cura di Giuseppe Massari
Nicola Leggiadro, Docente, Direttore e Preside della Scuola Agraria Ettore Pomarici Santomasi Nicola Leggiadro, Docente, Direttore e Preside della Scuola Agraria Ettore Pomarici Santomasi Passeggiando con la storia, rubrica a cura di Giuseppe Massari
Domenico Mastromatteo, Insegnante, Presidente diocesano di Azione Cattolica, Consigliere comunale Domenico Mastromatteo, Insegnante, Presidente diocesano di Azione Cattolica, Consigliere comunale Passeggiando con la storia, rubrica a cura di Giuseppe Massari
Vincenzo Liuzzi, Imprenditore Agricolo Vincenzo Liuzzi, Imprenditore Agricolo Passeggiando con la storia, rubrica a cura di Giuseppe Massari
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.