Lettere alla redazione

Il Comune risponde a Vicino

"Facciamo chiarezza sull’eolico"

Alla luce degli ultimi articoli di stampa e del dibattito che si sta generando sul parco eolico in costruzione nel territorio della nostra città, l'Amministrazione comunale intende far chiarezza sulla questione spiegando all'opinione pubblica lo stato dell'arte del procedimento al fine di evitare strumentali equivoci.
In data 31.07.2006 la "NUOVA ENERGIA" s.r.l., con sede amministrativa a Lanciano (CH) e sede legale a Gravina in Puglia, presentava presso la Regione Puglia — Assessorato all'Ambiente — la richiesta di autorizzazione unica, per la costruzione e l'esercizio di impianto di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile Eolico e delle relative opere connesse ed infrastrutture, nei Comuni di Gravina in Puglia e Poggiorsini, della potenza di 72 MW.

Con Deliberazione di C.C. 50 del 3.08.2007 il Comune di Gravina in Puglia approvava: le norme di indirizzo per l'installazione di impianti eolici sul proprio territorio comunale;
lo schema di Convenzione da sottoscrivere con la Società, recante la individuazione e la misura dei canoni a corrispondersi da parte di quest'ultima in favore della Amministrazione comunale, ivi prevedendosi, fra l'altro, il versamento in favore del Comune di una percentuale sui ricavi rivenienti dalla vendita dell'energia elettrica.La stessa deliberazione consiliare: autorizzava il Sindaco ad esprimere la volontà dell'Ente in sede di conferenze di servizi ad indirsi dalla Regione Puglia per l'esame delle domande di autorizzazione unica e demandava al Dirigente competente la firma della Convenzione.
La Società ed il Comune di Poggiorsini stipularono la relativa Convenzione in data 18.12.2009.La Convenzione tra la Società ed il Comune di Gravina in Puglia, invece, non fu stipulata. L'Amministrazione Comunale gravinese era allora guidata dal Sindaco Divella.

Nel 2010 interveniva il D.M. 10/09/2010 (Linee guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili), con cui il Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, riordinava la materia, fissando alcuni importanti "paletti" anche per quanto riguarda i criteri per l'eventuale fissazione di misure compensative.

In particolare:
"Le Regioni o le Province delegate non possono subordinare la ricevibilità, la procedibilità dell'istanza o la conclusione del procedimento alla presentazione di previe convenzioni ovvero atti di assenso o gradimento da parte dei comuni il cui territorio è interessato dal progetto";
"Le amministrazioni competenti determinano in sede di conferenza di servizi eventuali misure di compensazione a favore dei Comuni, di carattere ambientale e territoriale e non meramente patrimoniali o economiche";
"… le misure compensative sono definite in sede di conferenza di servizi, sentiti i Comuni interessati, … e non possono unilateralmente essere fissate da un singolo Comune; … le eventuali misure di compensazione … non possono comunque essere superiori al 3 per cento dei proventi, comprensivi degli incentivi vigenti, derivanti dalla valorizzazione dell'energia elettrica prodotta annualmente dall'impianto …".
In data 24 marzo 2011, era sottoscritto tra la Regione Puglia, il Comune di Gravina in Puglia, il Comune di Poggiorsini e la Società, l'Atto di impegno n. 12712 di prot. del 02.05.2011. Nella medesima data del 24 marzo 2011, era altresì sottoscritta tra la Regione Puglia, il Comune di Gravina in Puglia, il Comune di Poggiorsini e la Società, la Convenzione n. 12713 di prot. del 02.05.2011.Per il Comune di Gravina il firmatario è l'allora Sindaco Giovanni Divella.
Nessuno di questi due atti prevede forme di compensazione in favore del nostro Comune.

Con Determinazione Regionale n. 234 in data 01.09.2011, la Società ha conseguito l'Autorizzazione Unica alla costruzione ed all'esercizio di un impianto di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile-eolico, sito nei Comuni di Gravina in Puglia e Poggiorsini (BA), nonché di una sottostazione elettrica AT 150 KV sita nel Comune di Gravina di Puglia, località "Stazione Pellicciari" (BA). La società realizzerà un parco eolico con 21 aerogeneratori di 100 mt. di altezza ed eliche da 100 mt. di diametro. Anche in questo caso non viene contemplato alcun ristoro economico per la nostra città.
Nell'anno 2012, avendo già sottoscritto, precedentemente all'entrata in vigore del D.M. 10/09/2010, la Convenzione del 18.12.2009, la Società ed il Comune di Poggiorsini hanno siglato una nuova Convenzione, concordando di rivisitare quel primo impegno per adeguarlo alle nuove disposizioni contenute nelle Linee guida nazionali di cui al D.M. 10/09/2010.La nuova Convenzione prevede un ristoro ambientale del 3% del fatturato derivante dalla valorizzazione dell'energia elettrica prodotta annualmente dalle turbine ivi ubicate. Da tale importo risultante, però, andranno detratti tributi, tasse, imposte, oneri, canoni, contribuzioni, e imposizioni comunali di qualsiasi tipo.

Con nota del 19.12.2011, la Società ha rappresentato e comunicato al Comune di Gravina in Puglia la volontà di estendere detta Convenzione anche al nostro Comune, "dal momento che il parco eolico oggetto della già esistente convenzione interessa anche il territorio del detto Comune".
Il 24 maggio 2012 si insedia questa Amministrazione, guidata dal Sindaco Valente. Subito dopo il suo insediamento, l'Amministrazione Comunale ha incontrato i vertici della società "Nuova Energia s.r.l." al fine di rappresentare l'esigenza di vedersi riconoscere un giusto ed equo indennizzo a titolo di ristoro ambientale.Nelle more, in assenza di accordi, si è appreso che la società altoatesina FRI-EL Green Power s.p.a., con sede legale a Roma, ha acquisito il 95% delle quote di Nuova Energia s.r.l. Sono così variate la compagine sociale e gli interlocutori.

La Giunta comunale ha incaricato l'assessore al Bilancio, Nicola Lagreca, e l'assessore all'Ambiente, Maddalena Grillo, di intessere i rapporti con la Società, al fine di concludere l'annosa questione del corrispettivo che deve essere giustamente riconosciuto al nostro Comune, tenendo conto: delle intervenute Linee guida nazionali di cui al D.M. 10/09/2010; dell'assenza di una precedente Convenzione tra la Società ed il nostro Comune; della già celebrata conferenza di servizi, in esito alla quale nessun ristoro ambientale è stato previsto in favore del nostro Comune.

I membri della Giunta municipale, che si stanno avvalendo dell'assistenza dell'Avvocatura comunale, negli incontri finora svoltisi hanno cercato di portare a casa il massimo risultato possibile, anche se fino ad oggi non si è ancora addivenuti ad un esito condiviso.
Pertanto è ferrea volontà di questa Amministrazione mettere in atto tutte le azioni possibili per evitare che il nostro territorio venga deturpato senza il giusto risarcimento che questa Comunità merita.


Il Sindaco
Dott. Alesio Valente

L'Assessore all'Ambiente
Arch. Maddalena Grillo

L'Assessore al Bilancio
Dott. Nicola Lagreca
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.