kit raccolta differenziata
kit raccolta differenziata
Territorio

Rifiuti: i cittadini differenziano ma la Tari aumenta

L'Anci fa appello alla Regione per ridurre i costi dei servizi 

I cittadini fanno la raccolta differenziata. Le percentuali aumentano e così si riducono drasticamente le quantità di immondizia che finiscono nelle discariche. Eppure i costi del servizio aumentano e la conseguenza è un incremento della Tari che ricade sulle tasche dei contribuenti.

E' un paradosso. Con l'inizio del servizio di raccolta differenziata "porta-a-porta", come nel caso dell'Aro Bari 4 di cui fanno parte anche Altamura e Gravina, il territorio murgiano è diventato virtuoso nei comportamenti. L'Aro ha ottenuto pure una menzione speciale di Legambiente come "riciclone". Ma la Tari è aumentata.

Un problema che riguarda anche altri territori della Puglia tanto che è intervenuta l'Anci, l'associazione nazionale dei Comuni, con un appello alla Regione affinché faccia in modo di far ridurre i costi anziché farli ulteriormente crescere.

"Abbiamo raggiunto percentuali di raccolta differenziata che fino a qualche anno fa sembravano chimere e miraggi, uguagliando e spesso superando i comuni più virtuosi del Nord Italia, che adesso guardano alla Puglia con interesse e curiosità. L'impegno di Comuni e cittadini - scrive l'Anci - rischia di essere vanificato dal sistema di impiantistica di recupero, talmente farraginoso, da compromettere anche l'accesso ai contributi del Conai".

L'Anci insiste: "Abbiamo dovuto spiegare ai cittadini che è vero che la TARI aumenta, inevitabilmente, almeno all'avvio del nuovo servizio porta a porta, ma che, a fronte di ciò, otteniamo città più pulite, senza cassonetti, più decorose, più vivibili. Ma, ancora una volta, arriva il momento di predisporre i Piani economico-finanziari della Tari ed arrivano, puntuali, le cattive notizie".

Quali sono queste brutte notizie? Eccole nell'elenco dell'Anci: "Aumenta il costo dei conferimenti in discarica (tutte gestite da privati); aumenta, a cascata, il costo di conferimento dell'organico (anche per l'impianto che in teoria sarebbe pubblico, ma che annuncia ulteriore chiusura di sei mesi con conseguente rincaro dei costi relativi); aumenta l'ecotassa. E in queste condizioni, tenere ferma la Tari diventa un'impresa impossibile".

I sindaci pugliesi ritengono tale situazione "insostenibile per Comuni e cittadini". La Regione deve fare la sua parte per rendere pubblici gli impianti.
  • Raccolta differenziata
  • ANCI
  • Tari
Altri contenuti a tema
Raccolta differenziata regolare a Ferragosto Raccolta differenziata regolare a Ferragosto Non ci sono modifiche per il ritiro di carta e cartone
1 Rifiuti: arriva il centro comunale temporaneo Rifiuti: arriva il centro comunale temporaneo Il servizio sarà attivo dal 24 giugno e sostituirà le isole ecologiche itineranti
Differenziata, ecco dove ritirare le buste da oggi Differenziata, ecco dove ritirare le buste da oggi Gravina diventa riciclona. Continua la crescita: la percentuale di raccolta è arrivata al 74%
3 Gravina e la raccolta differenziata: risultati e nuovi progetti Gravina e la raccolta differenziata: risultati e nuovi progetti Confronto politico tra l'assessore Calculli e la consigliera Colavito
Consiglio comunale, passano tutti i punti Consiglio comunale, passano tutti i punti L’"affaire" Fondazione scalda l’aula
2 Comune annuncia: "Riduzioni per la Tari" Comune annuncia: "Riduzioni per la Tari" Nel 2019 per la tassa sui rifiuti niente aumenti, anzi ci sarà un risparmio
2 "Nessun aumento della Tari, solo una diversa ripartizione" "Nessun aumento della Tari, solo una diversa ripartizione" Così dichiara il Comune in replica alle voci su un possibile aumento delle tariffe
Raccolta differenziata, da lunedì si cambia Raccolta differenziata, da lunedì si cambia Ecco il nuovo calendario per le utenze domestiche
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.