Il Garofano d'Oro
Il Garofano d'Oro
Eventi e cultura

Piccoli artisti gravinesi a "Il Garofano d'Oro"

Michela Pia Nicefalo e Marzia Di Palma. Grande risultato per la manifestazione di Terlizzi

Dallo Zecchino d'Oro fino ai recenti programmi tv Ti lascio una canzone e Io canto, è tutto un pullulare di baby ugole canterine alla ribalta e sotto la luci dei riflettori. Una febbre, quella del canto, che sta contagiando tutti e che non si sa fino a che punto arriverà. In ogni luogo d'Italia, anche il più sperduto, nascono concorsi canori dedicati agli artisti in erba che a sentirli cantare, però, o meglio a vederli, sembrano essere ormai professionisti navigati e di lunga data. Anche la vicina Terlizzi ha il suo concorso: Il Garofano d'Oro, manifestazione nata nel 1981, dedicata ai ragazzi di scuola elementare e media, che si rivela da subito un validissimo mezzo atto a promuovere e valorizzare la produzione floricola terlizzese. Dopo una battuta d'arresto di un po' di anni, Il Garofano d'Oro dal 2008 è tornato a profumare e quest'anno, sabato 26 e domenica 27 giugno appena trascorsi, ha visto la partecipazione di una valorosa rappresentanza di piccoli artisti altamurani.

Due le voci canterine di Gravina in Puglia  che hanno ben figurato al concorso nazionale: Michela Pia Nicefalo con Cuore di Rita Pavone e Marzia Di Palma con una particolare versione di Se stasera sono qui di Luigi Tenco. Le due piccole artiste hanno ricevuto i complimenti e gli apprezzamenti di tutta la giuria presieduta dall'editore di Radio Selene Luciano Tarricone e composta da Patrizia Camassa (giornalista di TeleRegione), Alba Di Palo (giornalista del Corriere del Mezzogiorno), Salvatore Valentino (editore di Bisceglie 15 giorni), Piero Gallo (Miss Universo Puglia), Isabella Abiuso (talent scout di Io canto), Andrea Direnzo (giornalista, critico ed esperto musicale) e Maddalena Paternoster (docente di canto e musico terapeuta). Ad aggiudicarsi il primo premio assoluto e il premio "miglior interprete" è stata l'altamurana Alessia Cammisa con A Natural Woman di Aretha Franklin: una gran bella voce intonata e modulata alla perfezione, oltre a un'interpretazione misurata e piena di feeling, hanno subito conquistato la giuria già dalla prima sera. Il secondo premio è andato a un'altra altamurana, Claudia Colamonaco, che ha cantato Memory dal musical Cats; voce e interpretazione più classiche ma di grande effetto e patos. Il premio della "critica", invece, è toccato alla tarantina Noemi Sardaro con Sei bellissima di Loredana Berté.

Tra gli ospiti d'eccezione della serata finale, anche l'altamurana Paola Ferrulli che, dopo il successo ottenuto a Ti lascio una canzone, ha inciso un disco dal titolo Cosa farò da grande e sta girando in lungo e in largo per l'Italia con la sua band composta dai musicisti Francesco Marcello Sette (batteria), Giuseppe Donatelli (chitarra), Michele Denora (tastiere), Luigi Colonna (basso). A presentare le due serate è stata l'affiatatissima coppia formata da Alfredo Guastamacchia e Maria Rita Minoia, entrambi speaker radiofonici di lunga data, l'uno di Radio Italia Anni '60, l'altra di Radio Selene. Presenti nella serata finale il Vescovo della Diocesi Molfetta-Terlizzi-Giovinazzo-Ruvo S.E. Mons. Luigi Martella, alcune autorità politiche locali (l'Assessore alla cultura e allo spettacolo Domenico Paparella, l'Assessore all'urbanistica Giovanna Spada, l'Assessore all'agricoltura Maria Mangiatoridi), il Presidente dell'Associazione "Il Garofano d'Oro" Cav. Vincenzo Colasanto e l'On. Gero Grassi. La direzione artistica della manifestazione è stata affidata per il terzo anno consecutivo a Francesco Scagliola. Un grande risultato, dunque, per la città di Gravina in Puglia che grazie ai suoi piccoli artisti tiene alto il proprio nome a suon di musica e canzoni… che fanno sempre bene al cuore!
  • Concorso canoro
  • Il Garofano d'Oro
  • Terlizzi
Altri contenuti a tema
Un gravinese al concorso nazionale di canto a Rimini Un gravinese al concorso nazionale di canto a Rimini Roberto Parete rappresenterà Puglia e Basilicata
Palazzo di Città in festa per il piccolo Picciallo Palazzo di Città in festa per il piccolo Picciallo Una calda accoglienza ad un giovanissimo talento gravinese
Un dodicenne gravinese, vincitore di "Ti lascio una canzone" Un dodicenne gravinese, vincitore di "Ti lascio una canzone" Giuseppe Picciallo: il suo nome
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.