anziani 1
anziani 1
Territorio

Piano sociale di Zona, in arrivo 500mila euro

In mattinata alla Regione la firma del disciplinare di attuazione degli interventi. Previsto la creazione di uno "sportello virtuale"

In arrivo 500mila euro per i servizi sociali presenti sul territorio. L'Ambito territoriale 1 del Piano di Zona, che comprende i Comuni di Altamura, Gravina, Santeramo e Poggiorsini, aveva ottenuto il finanziamento un anno fa. Il Comune di Altamura, ente capofila dove ha sede l'Ufficio di Piano, ha firmato in mattinata alla Regione, tramite l'Ufficio di Piano ed il Coordinamento istituzionale, il disciplinare di attuazione degli interventi.

I fondi sono stati assegnati con delibera n. 121 della Regione Puglia (Servizio Programmazione Sociale) sulla base dell'avviso pubblico "per il finanziamento di strutture e interventi sociali a carattere innovativo e sperimentali". Il bando, consultabile sul Bollettino Ufficiale regionale n. 119 del 24 luglio 2008, ha l'obiettivo di "favorire la realizzazione su tutto il territorio regionale di una rete di strutture socioassistenziali e sociosanitarie e di un sistema di interventi che abbiano carattere innovativo e sperimentale".

I fondi serviranno per il "reengineering (una riprogettazione) dei servizi" nel territorio dell'Ambito. L'innovazione consisterà, tra l'altro, nella realizzazione di uno "sportello virtuale" tra la pubblica Amministrazione ed i cittadini. Ciascun cittadino che ha attivato i Servizi sociali, avrà la possibilità di verificare in tempo reale l'iter della sua istanza, creando un vero e proprio "fascicolo virtuale". Tutto ciò consentirà di alleggerire la macchina amministrativa del Piano di Zona, e quindi dei quattro Comuni, e nel contempo eviterà ai cittadini lungaggini burocratiche.

Fra le iniziative ammissibili al finanziamento c'erano, infatti, quelle utili "a promuovere l'efficiente ed efficace gestione della rete dei servizi sociosanitari attivando servizi e flussi procedurali volti ad assicurare l'accesso integrato alla rete dei servizi (PUA, UVM, segretariato sociale), anche sperimentando forme di collaborazione pubblico-privato volte a consolidare la rete di cooperazione territoriale". Ammissibili, inoltre, gli interventi atti a "promuovere la efficienza ed efficacia dei processi di erogazione delle prestazioni sociali e sociosanitarie, anche con l'impiego di nuove tecnologie e dell'ICT per azioni di monitoraggio e valutazione dell'offerta e della domanda di servizi".

"Abbiamo voluto sperimentare, grazie alle moderne tecnologie, un modello nuovo di relazione, anche per evitare che si continui a pensare ai servizi sociali come ad uno strumento che va a monetizzare il bisogno", ha affermato l'assessore regionale al Welfare Elena Gentile, presente sabato sera ad Altamura. "Noi parliamo di diritti, di dignità - ha aggiunto - i diritti devono essere in qualche maniera declinati anche attraverso procedure che non lascino spazio a cadute di stile".
  • Regione Puglia
  • Piano Sociale di Zona
Altri contenuti a tema
Assistenza scolastica, appello ai Prefetti per evitare ritardi Assistenza scolastica, appello ai Prefetti per evitare ritardi Intervengono i Garanti regionali per i minori e i disabili
La Puglia meta turistica preferita dagli italiani La Puglia meta turistica preferita dagli italiani Emiliano e Capone: “Risultato straordinario"
1 Nuove imprese: altri 23 milioni di euro per il bando NIDI Nuove imprese: altri 23 milioni di euro per il bando NIDI La Regione Puglia rifinanzia la misura
1 Stanziati fondi per sistemare l'acquedotto Sant'Angelo e Fontane della Stella Stanziati fondi per sistemare l'acquedotto Sant'Angelo e Fontane della Stella Delibera della Regione Puglia per mettere in sicurezza opere di interesse pubblico o storico
Assegni di cura, protestano le famiglie Assegni di cura, protestano le famiglie Il Garante regionale dei disabili chiede adeguate soluzioni
1 Lavoro, in Puglia meno disoccupati che nel Sud Italia Lavoro, in Puglia meno disoccupati che nel Sud Italia Disoccupazione giovanile in calo del 7,8 per cento
Fondi comunitari all'agricoltura, la Regione ammette i ritardi Fondi comunitari all'agricoltura, la Regione ammette i ritardi Ma scarica le responsabilità: "Colpa dei ricorsi". La Puglia rischia di perdere 176 milioni
Museo civico, la Regione chiama a rapporto il Comune Museo civico, la Regione chiama a rapporto il Comune L'ente convocato per spiegare il perché della chiusura
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.