Località Capotenda
Località Capotenda
Turismo

La carovana Interreg ritorna a Gravina

Si discute di turismo accessibile sull’asse Italia-Albania-Montenegro

Un incontro per fare il punto sull'attuazione dei programmi in fase di attuazione e gettare le basi per nuove iniziative.

I partner del programma "Interreg IPA II Italia-Albania-Montenegro", tra i quali il Comune di Gravina in Puglia, si ritroveranno Lunedì e Martedì prossimo in città per un confronto sull'iter delle azioni pianificate nelle diverse realtà territoriali, oltre che per mettere in cantiere ulteriori interventi nell'ambito del piano di cooperazione transfrontaliera che punta allo sviluppo sostenibile dei territori coinvolti, in vista dell'adesione di Albania e Montenegro all'Unione Europea. Le delegazioni ospiti si ritroveranno (per l'intera giornata del 30 Settembre e per la mattinata del primo Ottobre) nella sala convegni del Museo civico di piazza Benedetto XIII.
Ai lavori prenderanno parte, tra gli altri, i dirigenti del ministero delle finanze albanese, Anxela Bushati e Arben Lubonja. Con loro il dirigente dell'Area Amministrativa del Municipio gravinese, Vito Spano; il rappresentante del Comune montenegrino di Tuzi, Ermin Haxhi, quello della municipalità albanese di Malesi e Madhe, Alfred Gurraj, ed ancora i referenti dell'iniziativa progettuale, da Adolfo Colagiovanni a Pasquale Panico a Marco Sbarra. Insieme per un tagliando su un progetto basato sullo sviluppo locale di tipo partecipativo, con lo scopo di creare sistemi di accoglienza che aprano le comunità verso nuovi flussi turistici.

In quest'ottica, nelle comunità locali interessate si sta dando vita ad una destinazione turistica di comunità accessibile e sostenibile transfrontaliera per accrescere i flussi in particolare del settore del turismo accessibile, rappresentato da tutti i servizi e strutture che consentono a persone con esigenze speciali di godere in maniera soddisfacente della propria vacanza, senza ostacoli, in maniera autonoma e confortevole. Un obiettivo da centrare, a Gravina, garantendo la piena accessibilità dell'area di Capotenda: previste, tra l'altro, l'installazione di rampe in legno per il superamento delle barriere architettoniche, l'allocazione di servizi igienici, la sistemazione degli ipogei per renderli idonei alla preparazione e degustazione di prodotti tipici, l'individuazione di aree di sosta per autoveicoli, la recinzione degli accessi al sito.
    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.