Orienteering
Orienteering
Scuola e Università

Il 24 maggio gare provinciali di Orienteering per le vie del centro storico

Parteciperanno oltre 600 ragazzi delle scuole elementari della Provincia di Bari

Il 23 aprile scorso, presso il Bosco Difesa Grande di Gravina in Puglia, si sono svolte le Gare regionali di Orienteering in cui erano coinvolti oltre 100 ragazzi di scuola secondaria di I e II grado provenienti da tutta la Puglia. A distanza di un mese, precisamente il 24 maggio a partire dalle ore 9.30, il centro storico di Gravina in Puglia sarà invaso da oltre 600 studenti delle scuole elementari della Provincia di Bari per le gare conclusive di Orienteering. L'evento prende il nome di "Festa a cielo aperto" e sarà un modo per festeggiare un anno di pratica della disciplina sportiva.

Muniti di bussola e mappa, i giovanissimi praticanti si cimenteranno nelle vie e nelle stradine del centro storico, uno degli habitat d'adozione della disciplina nell'Europa Meridionale, dove latitano quei boschi che sono la culla naturale della corsa orientamento. Attraverso questa disciplina i ragazzi possono approfondire i contenuti di sport eco-sostenibile, la crescita sociale attraverso lo sport (prevenzione del disagio giovanile, scambio di esperienze e stili di vita), la valorizzazione della cultura storico-ambientale-architettonica, oltre a comunicare valori, emozioni, tradizioni e cultura. Un momento, duqneu, per valorizzare il proprio territorio quale meta di turismo sportivo e uno strumento di marketing territoriale.

È bene ricordare che l'orienteering è movimento e azione, è un modo salutare ed entusiasmante per fare dello sport in un ambiente naturale come il bosco, ma anche in qualsiasi territorio; è adatto a tutte le età ed è possibile partecipare in categorie non competitive con tutta la famiglia. Alla partenza viene consegnata una cartina speciale a colori su cui sono segnate tutte le particolarità del terreno di gioco. Per ogni categoria è marcato un percorso con dei punti di controllo da ricercare in ordine cronologico, ma secondo la strada ritenuta più veloce e più sicura dagli atleti. Vince chi compie il percorso nel minor tempo, raggiungendo tutti i punti di controllo.

Con l'orienteering, insomma, lo sport si è messo al servizio del territorio. Lo sanno bene il Sindaco del Comune di Gravina Giovanni Divella, l'Assessore all'Istruzione Lorenzo Tremamunno, il Consigliere Provinciale Mimmo Romita, il Dirigente dell' Istituto Comprensivo "Benedetto XIII", Francesco Laddaga e il dirigente del MIUR Coord. Ed. Fisica della Regione Puglia Prof. Marino Pellico, che hanno creduto e contribuito a sostenere gli sforzi degli organizzatori coordinati da Maria Teresa Capuzzi e Luigi Laricchia, rispettivamente docente coordinatrice dell'attività motoria presso la scuola di Gravina e presidente per la Puglia della FISO – Federazione Italiana Sport Orientamento.


Che cos'è l' orienteering?

L'orienteering o corsa di orientamento, è nata nei paesi scandinavi più di un secolo fa ed è una competizione che impegna fisico e mente in maniera divertente. Alla partenza, infatti, viene consegnata a ciascun concorrente una carta topografica molto precisa della zona di gara, sulla quale sono indicati con segni convenzionali la partenza, l'arrivo e i vari punti di controllo intermedi. Le partenze sono scaglionate in un certo periodo di tempo. Quando il concorrente giunge sul posto esatto corrispondente a un punto di controllo segnato in cartina troverà come riferimento un prisma triangolare bianco/arancione detto lanterna con una pinzetta punzonatrice che servirà per dimostrare l'avvenuto passaggio. Il percorso da seguire per raggiungere il punto è libero, ognuno sceglie quello che ritiene migliore o più adatto ai suoi mezzi cercando di leggere attentamente la cartina e aiutandosi anche con la bussola. Vince, ovviamente, chi realizza il tempo migliore transitando in tutti i punti previsti.
  • Gare Orienteering
  • Bosco
  • Centro Storico
  • Provincia di Bari
  • Scuola
Altri contenuti a tema
On. Sasso: “alle scuole dell'infanzia di Gravina 375.000 euro” On. Sasso: “alle scuole dell'infanzia di Gravina 375.000 euro” Fondi ministeriali per realizzare ambienti didattici innovativi
On. Sasso: “Alle scuole di Altamura e Gravina 4,3 milioni per l’innovazione” On. Sasso: “Alle scuole di Altamura e Gravina 4,3 milioni per l’innovazione” Fondi per trasformare le classi in ambienti di apprendimento moderni
Approvato il piano per il diritto allo studio Approvato il piano per il diritto allo studio Provvedimento regionale su mensa, trasporto scolastico e altri interventi
Parco dell’Alta Murgia: un punto idrico nel Bosco Difesa Grande Parco dell’Alta Murgia: un punto idrico nel Bosco Difesa Grande L’importante riserva boschiva rientra nelle aree contigue istituite dal Parco
Bosco: piano di prevenzione antincendio del Comune Bosco: piano di prevenzione antincendio del Comune L’amministrazione comunale programma un piano straordinario di prevenzione agli incendi boschivi
Vigilanza del bosco, i Cittadini Gravinesi chiedono controlli tutto l'anno Vigilanza del bosco, i Cittadini Gravinesi chiedono controlli tutto l'anno Il movimento politico sollecita progetti di vigilanza e di controllo anti-incendio
Cambiano le dirigenze scolastiche in due scuole di Gravina Cambiano le dirigenze scolastiche in due scuole di Gravina Per effetto dei trasferimenti
Centro storico, l’amministrazione incontra i commercianti Centro storico, l’amministrazione incontra i commercianti Confronto necessario per la valorizzazione e promozione della zona
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.