Fiera di San Giorgio
Fiera di San Giorgio
Eventi e cultura

Domenica 17 aprile ore 16.00 Gravina si veste di Medioevo

Oltre a cortigiani e popolani, quest’anno sfilerà anche la “fiaba”. XVII corteo storico medievale

Come quei corsi e ricorsi storici vichiani, in questo caso ben graditi e ben accetti, sta x prendere corpo in tutto il suo splendore la rievocazione storica più attesa dai gravinesi e limitrofi: la XVII edizione del corteo storico medioevale organizzato dall'associazione "Conte Giovanni di Montfort", che, in occasione della fiera regionale, sfilerà per le vie del paese domenica 17 aprile alle ore 16.

Ai figuranti che rappresentano re, cavalieri, cortigiani, popolani si aggiungeranno quest'anno carri e animazioni sul tema "Tra il mito e la fiaba".

Il c'era una volta quest'anno infatti diventa sfilata…

"Nell'angolo più buio e più caldo della casa, accanto ad un caminetto, una nonna racconta le sue storie: sono storie antiche che qualcuno le ha raccontato, che ha custodito per anni affidandole" al lento ruminio della sua coscienza" e che adesso passa a chi l'ascolta in un rito anch'esso antico che è sempre lo stesso.

C'era una volta …

Ø LA FATA. Bella luminosa misteriosa, essa obbliga una famiglia povera, che raccoglie e si nutre di cicorie selvatiche, a darle una delle sette figlie. La ragazza la segue e va ad abitare nel suo misterioso castello sotterraneo. La fata si prende cura di lei, la nutre, ma le impone di "non vedere"…

Ø PROSERPINA, anche lei costretta ad una discesa nel buio. Raccoglie, in un trionfo di luce, fiori colorati quando Plutone, il dio degli inferi, innamorato di lei, la rapisce e la porta nella notte del suo regno. Cerere, la grande madre, dea della fertilità, riesce ad ottenere da Giove il ritorno annuale di Proserpina sulla terra e con lei ogni volta torna la primavera.

Ø MARIA DI LEGNO invece si immerge nel buio volontariamente nascondendosi, per proteggere la sua adolescenza, in una cassa di legno. Chiede ad un principe di lavorare nel pollaio del castello e da quando lei arriva le uova aumentano: la cassa non soffoca la sua fecondità. L'uscita dal buio avviene quando, con un vestito ricoperto di stelle, partecipa ad una festa e balla col principe che poi sposerà.

Ø LA BELLA E LA BRUTTA, due sorelle molto diverse tra loro, incontrano una vecchia maga: la prima è gentile e generosa ed in cambio vede materializzarsi la sue virtù quando le sue parole diventano gioielli; la seconda scortese e arrogante vede le sue parole trasformarsi in carbone ... La fecondità e la bellezza sono doni riservati alla bontà.

Queste quattro storie al femminile tra l'altro raccontano una misteriosa e affascinante storia che si imponeva agli occhi di ogni uomo: quella del seme che muore nel grembo buio e caldo della terra e poi viene alla luce … Il segreto della vita è nascosto ma si disvela nella scoperta della morte come passaggio.

Ø CAPORAL MUSTAZZE racconta un altro sogno dell'uomo: quello di vincere con la sua astuzia la Morte semplicemente ottenendo altri anni di vita..

Ø PERSEO in qualche modo con un espediente riesce a vincere Medusa, la gorgone che pietrifica coloro che la guardano. L'eroe la guarda in una immagine riflessa nello scudo, dono di Minerva, la dea della sapienza.

Ø E' tempo della festa , è tempo del trionfo di BACCO E ARIANNA. Bacco, un dio, sceglie Arianna come sua compagna e subito la incorona con una corona di stelle. Fanno da cornice a questo quadro d'amore le Baccanti danzanti: è la festa dell'eros, della fertilità, del piacere, della felicità, dell'entusiasmo, della ispirazione, mai raggiunti, però, in via definitiva perché continuamente minacciati.

Ø La minaccia del disordine e del caos si allontana solo se un dio solare e potente continuerà a regnare: GIOVE. Egli veglia e regna vigile sugli dei e sugli uomini assicurando con le regole e le leggi, con i premi e i castighi, l'ordine e la vita. Accanto a lui GIUNONE.

Un lungo viaggio nelle storie è anche un viaggio alla ricerca dell'uccello di fuoco che misterioso e lontano si nega, ma ci attende. Incontrando lui incontreremo ed abbracceremo noi stessi ed il mondo e, sia pure in una storia, per un attimo sentiremo quanto sia in-umana ed in-naturale la follia della guerra.
E la nonna ricomincia.

C'era una volta…."
  • Corteo storico medievale
  • Associazione “Conte Giovanni di Montfort”
Altri contenuti a tema
Concorso di poesie per i 25 anni di vita del Corteo storico Montfort Concorso di poesie per i 25 anni di vita del Corteo storico Montfort L’associazione indice un premio sul tema “Il Cuore antico della vita nei campi: tempo, natura, cura”
1 Un tuffo nel passato con il corteo storico Un tuffo nel passato con il corteo storico Rievocazione medievale dell’associazione Montfort che festeggia 25 anni di vita
Raduno cortei storici, al via la XVI edizione Raduno cortei storici, al via la XVI edizione Ritorna l'appuntamento con la rievocazione storica. Intervista a Beppe Rubini
5 Le donne e il Medioevo rivivono in città Le donne e il Medioevo rivivono in città Presentato il corteo Monfort
Rievocazione storica, per non gettare nell'oblio il nostro passato Rievocazione storica, per non gettare nell'oblio il nostro passato I momenti più importanti della 14ª edizione del raduno dei cortei storici
Cala il sipario sulla XIV^ Edizione del Raduno dei Cortei storici Cala il sipario sulla XIV^ Edizione del Raduno dei Cortei storici Le istantanee del Corteo storico e del Gran Finale della manifestazione
Avvio del Corteo storico compromesso dal maltempo Avvio del Corteo storico compromesso dal maltempo Aggiornamenti in tempo reale su GravinaLife
Il freddo non ferma il Conte di Monfort Il freddo non ferma il Conte di Monfort Restituite le chiavi della città cala il sipario sulla Fiera 2016
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.