Grano
Grano
Territorio

"Contrastare caro-pasta con aumento produzione di grano duro italiano"

Coldiretti interviene sugli incrementi dei prezzi

"Il balzo dei prezzi della pasta può essere affrontato con una adeguata programmazione che consenta di aumentare la produzione di grano duro made in Italy in una situazione in cui il Belpaese importa circa il 40% del grano di cui ha bisogno". E' quanto afferma la Coldiretti Puglia, in riferimento all' aumento del prezzo della pasta dovuto al dimezzamento dei raccolti in Canada che è il principale produttore mondiale e fornitore dell'Italia.

La Puglia è il principale produttore italiano di grano duro, con 360.000 ettari coltivati e 9.990.000 quintali prodotto e valore della filiera della pasta in Puglia pari a 542.000.000 euro. "La domanda di grano 100% Made in Italy si scontra con anni di disattenzione e abbandono che nell'ultimo decennio hanno portato alla scomparsa di 1 campo su 5 dopo con la perdita di quasi mezzo milione di ettari coltivati con effetti dirompenti sull'economia, sull'occupazione e sull'ambiente, dalla concorrenza sleale delle importazioni dall'estero soprattutto da aree del pianeta che non rispettano le stesse regole di sicurezza alimentare e ambientale in vigore nel nostro Paese", dice Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Una situazione aggravata dalla concorrenza sleale delle importazioni – ricorda la Coldiretti Puglia – che con l'entrata in vigore dell'accordo di libero scambio tra Unione Europea e Canada (CETA) nel 2020 le importazioni di grano canadese in Italia sono aumentate del 70% rispetto all'anno precedente per un totale di circa 1,7 miliardi di chili provenienti soprattutto da Paesi come gli Stati Uniti e il Canada dove vengono fatti seccare proprio con l'utilizzo del glifosato.

Per fermare le speculazioni e garantire la disponibilità del grano e degli altri prodotti agricoli – sottolinea la Coldiretti - occorre lavorare per accordi di filiera tra imprese agricole ed industriali con precisi obiettivi qualitativi e quantitativi e prezzi equi che non scendano mai sotto i costi di produzione come prevede la nuova legge di contrasto alle pratiche sleali. Ci sono le condizioni per incrementare la produzione di grano in Italia dove – precisa la Coldiretti - è peraltro vietato l'uso del diserbante chimico glifosato in preraccolta, a differenza di quanto avviene in Canada.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Coldiretti Puglia
  • Grano
Altri contenuti a tema
Emergenza cinghiali: in 250mila assediano città e campagne Emergenza cinghiali: in 250mila assediano città e campagne Coldiretti Puglia: “pericolo per la sicurezza delle persone e per le attività agricolo”
Pasquetta fuori porta Pasquetta fuori porta Le stime di Coldiretti: picnic e gite per il 35% dei pugliesi
Con guerra in Ucraina subito un aumento del prezzo del grano Con guerra in Ucraina subito un aumento del prezzo del grano L'allarme della Coldiretti per le conseguenze sull'agricoltura e sull'economia
Listini, si ferma la corsa al rialzo del grano duro Listini, si ferma la corsa al rialzo del grano duro Sono già aumentati i prezzi di pane e pasta come diretta conseguenza
Coldiretti Puglia, 250mila cinghiali assediano città e campagne Coldiretti Puglia, 250mila cinghiali assediano città e campagne "Finalmente arriva delibera regionale salva-agricoltura"
Grano duro, il prezzo sale ancora Grano duro, il prezzo sale ancora Le ultime quotazioni delle borse merci
Grano duro, prezzo arrivato al picco Grano duro, prezzo arrivato al picco 500 euro a tonnellata. Ma la Cia ricorda le basse rese per il clima
Allevamenti, è tensione sul prezzo del latte Allevamenti, è tensione sul prezzo del latte Coldiretti prepara mobilitazione per basso prezzo che non copre i costi
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.