immagini- Donato Paternoster
immagini- Donato Paternoster
Eventi e cultura

“Immobili”: il nuovo progetto audiovisivo di Pagina40

L’attore Donato Paternoster presenta il suo ultimo lavoro

Un bar vuoto di provincia in cui il tempo si è fermato, un crooner che si esibisce davanti ad un solo spettatore. Ma al di fuori l'amore di due giovani e la telecamera che segue le fasi dell'innamoramento: sguardi con i corpi "immobili", il primo contatto fisico, l'emozione di rincorrersi e ballare insieme, il climax con un momento introspettivo e il lieto fine. E tutt'intorno il calore e i colori di un'estate da vivere.

Luoghi e oggetti protagonisti della scena come una giacca rossa, intrisa di simbolismo come insegna il buon David Lynch, e le scale di Fondovico come quelle del Bronx per riprendere il ballo di Joaquin Phoenix in "Joker", una delle scene cult del cinema contemporaneo. Questo è "Immobili", il videoclip messo in rete il 15 agosto e che lancia il nuovo progetto artistico Pagina40 dell'attore gravinese Donato Paternoster.

Abbiamo raggiunto telefonicamente Paternoster per qualche domanda e curiosità.

È da poco stato pubblicato il video di "Immobili", di cui è autore di testo e musica. Non solo un videoclip ma un nuovo progetto artistico prodotto da Bloodynose. Ce ne parla?
Immobili è un progetto audiovisivo di Pagina40 in collaborazione con Bloodynose. Nasce a Roma lo scorso Aprile, per gioco, dal desiderio di raccontare la nostra immobilità attraverso una relazione sentimentale, dalla voglia di mettermi in gioco con una nuova esperienza, dall'esigenza di interpretare un ruolo diverso poiché i teatri e i set cinematografici erano chiusi da tempo e soprattutto dall'esigenza estrema di leggerezza.
In principio nasce solo come brano musicale suonato con una chitarra e in seguito, durante la registrazione in studio, ho pensato che sarebbe stato bello raccontarlo anche tramite un videoclip, così ho incontrato Massimiliano Cosi il quale ha sposato subito il mio progetto, ha accolto volentieri il mio pensiero e il come avrei voluto raccontarlo, ha aggiunto la sua visione e la sua esperienza e in poco tempo ne ha creato un cortometraggio musicale.

Il brano presenta sonorità anni '70/'80 e ha chiamato a raccolta talenti e musicisti del territorio. Perché questa scelta di rifarsi a un sound del passato?
Sinceramente non ci ho pensato, ho preso la chitarra, ho messo un accordo a caso e da lì è partito tutto. Senza dubbio le influenze degli artisti del passato e dei cantautori italiani le porto sempre con me ed è inevitabile rifarsi a loro anche senza volerlo.
La scelta però dei musicisti che avrebbero potuto seguire quelle sonorità non è stata del tutto a caso. Il lavoro fatto negli ultimi anni da Michelangelo Angiulli, Andrea Calabrese e Michele Marrulli con "Il Guaio" prima e i "Superfrìc" dopo mi ha portato naturalmente a chiedere una loro collaborazione, poiché sentivo molto vicino al mio progetto il loro percorso musicale. Oltre la stima e l'amicizia che mi lega da tempo.

Nel video gioca la parte del crooner di altri tempi che accompagna la nascente storia d'amore di due giovani, dopo la carriera di attore vuole tentare quella del cantante?
Non so se ci sarà un seguito da cantante e non credo di avere le capacità necessarie per poterlo fare, ad ogni modo non vorrei mai pormi dei limiti. Fare musica è sempre stato un mio grande desiderio ma per il momento sarei felice di poter continuare a fare il mio mestiere indossando i panni di qualsiasi altro personaggio lontano dalla mia realtà. Magari nel prossimo video sarò un vigile del fuoco, chissà...

Nel videoclip, che ha alla regia il gravinese Massimiliano Cosi, ci sono parecchie citazioni a film come "Vacanze Romane" e "Joker". Un omaggio ai suoi film preferiti?
Ci siamo divertiti molto con Massimiliano a citare i film riportati nel video. Da "L'uomo in più" di Sorrentino a "Vacanze Romane", "Joker", "Laurence anyways" e "Eternal sunshine". Non so se sono tra i miei film preferiti, ma sicuramente hanno influito nella mia vita degli ultimi mesi e nella stesura del racconto che avevo in mente del video di Immobili.

Quasi alla fine del brano, musica e luci del video cambiano aggiungendo pathos al racconto. È stato difficile girare queste scene?
Posso dire che c'è stata una piccola difficoltà solo perché tenevo particolarmente a quella scena così come al film citato e perché abbiamo girato a mezzanotte sul mare dopo una lunga giornata di lavoro. Ma, citando Massimiliano Così, posso dirti che "sotto l'aspetto narrativo la scena è uno scorcio di cruda realtà che si insinua nella proiezione idilliaca dei protagonisti, sotto l'aspetto estetico invece è un chiaro omaggio a "Eternal Sunshine of a Spotless Mind" (Se mi lasci ti cancello), pellicola che indaga a fondo e con una visione unica il tema delle occasioni mancate nelle relazioni amorose". Così come spesso accade anche quando restiamo immobili davanti alla vita e a quello che ci accade.

Gianni D'Addario è il protagonista maschile del video, con lui hai recitato nell'ultimo film di Checco Zalone campione d'incassi, "Tolo Tolo". Siete amici anche fuori dal set?
La presenza di Gianni D'Addario è stata molto preziosa, sia per il lavoro che ha creato durante le riprese del videoclip che per il percorso cinematografico che lo ha visto interpretare ruoli importanti negli ultimi anni, tra questi Gramegna in Tolo Tolo. Io e Gianni ci conosciamo da bambini, abbiamo quasi sempre lavorato insieme in teatro e a breve debutteremo con un nuovo progetto teatrale in giro per l'Italia. Nonostante questo, la sua presenza non era scontata per impegni al cinema e sono contento di essere riuscito a condividere anche questo progetto sia con lui che con Marina Savino che è stata anche lei un'attrice ed una presenza molto preziosa per la realizzazione del video.

È chiaro nelle scene, parecchie girate nel centro storico di Gravina, l'omaggio all'Italia con il riferimento ai colori della bandiera. È un messaggio ad amare la nostra nazione soprattutto nel periodo che stiamo vivendo?
Ad amare nonostante tutto...

Immobili rientra in un progetto artistico più ampio dal titolo emblematico e presente anche sui social, Pagina40. Che significato ha? Quali sono i prossimi progetti in cantiere?
Pagina40 è una produzione ed una piattaforma artistica che ho creato in occasione di Immobili e perché in cantiere ci sono altri progetti che spero di poter realizzare a breve. Pagina40 perché ogni volta che ci si mette in gioco in una nuova vita, si dice sempre che c'è stato un cambio di pagina e il mio è arrivato ai 40 anni. Un aspetto molto bello di questa esperienza, forse il più importante, è stato aver visto nascere un gruppo di lavoro molto affiatato, quasi tutto gravinese, che ha realizzato sia il progetto musicale che video con pochissime risorse, solo ed esclusivamente per l'amore di questo mestiere il quale spesso trova tante difficoltà nella nostra comunità. Anche questo significa "vivere intorno al mondo pur restando immobili".
  • Donato Paternoster
Altri contenuti a tema
The signature, il nuovo corto della Intergea The signature, il nuovo corto della Intergea Presentazione al Cineporto di Bari il 29 marzo 2011
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.