Pop Corn

In the Market

L'avventura da incubo di tre giovani amici in cerca di nuove esperienze

Un film di Lorenzo Lombardi. Con Ottaviano Blitch, Marco Martini, Elisa Sensi, Rossella Caiani, Eleonora Stagi. Horror, durata 115 min. - Italia 2009. - Whiterose uscita venerdì 5 agosto 2011. - VM 18

Finita la scuola, David, Sarah e Nicole intraprendono un viaggio alla ricerca di se stessi a bordo di una jeep: unica tappa certa dell'itinerario il concerto della loro band preferita. In una stazione di servizio in cui si fermano a fare benzina, i tre ragazzi vengono derubati da due rapinatori; senza soldi e possibilità di telefonare si dirigono verso un market dove sperano di trovare aiuto. Una volta lì, David propone a Sarah e Nicole un piano per passarci la notte al fine di nutrirsi e potersi riposare. Nelle buie corsie del supermercato, i tre iniziano a raccontare storie del terrore alla luce delle torce elettriche fino a quando scoprono di non essere soli: un macellaio sta squartando un tipo di carne molto particolare…
Evidentemente ambientato in Italia, In The Market è uno di quei film senza una locazione geografica precisa: insegne in inglese, speaker radiofonici che parlano in spagnolo, personaggi con nomi anglofoni, baffuti benzinai che divorano hamburger, chiromanti, abbigliamenti incongrui. L'aretino Lorenzo Lombardi ama il road movie, i dialoghi "brillanti" da b-movie, le distese assolate e i posti aperti dal tramonto all'alba, insegue insomma un sogno cinematografico tutto americano – anche nella grammatica filmica – con budget ristretto e la smaccata voglia di citare i suoi registi preferiti. Primo fra tutti il Quentin Tarantino on the road di A prova di morte (che passa in una televisione della stazione di servizio), poi citato anche nel pezzo forte Little Green Bag dalla colonna sonora di Le iene mescolata alle canzoni scritte appositamente dai GTO per la pellicola, negli scambi di battute stralunate e nelle sentenze bibliche con tanto di indicazione del versetto (all'Ezechiele di Pulp Fiction si sostituisce un Isaia).
Alla prima parte più scanzonata segue una seconda che dovrebbe spingere il racconto verso il torture-porn dell'Hotel di Eli Roth, nominato peraltro dai protagonisti all'inizio, sebbene all'esibizione parossistica del sangue che di quel sottogenere costituisce il nocciolo il regista preferisca montare una scalcinata serie di futilità dialogiche tra un macellaio "con una laurea in Antropologia buttata e un discreto pallino per internet" e la vittima David. All'impostazione traballante, si aggiunge, peggiorando di molto le cose, la latitante direzione di un cast tutto italiano impegnato in dialoghi e situazioni che avrebbero richiesto ben altra credibilità. Soprattutto per questo motivo, è meglio considerare In the Market una prova generale per il prossimo passo di Lombardi che come un prodotto finito e da distribuire nelle sale.
Social Video2 minutiIN THE MARKET - Official Trailer ITA HDtrailerTvcinema

    Pop Corn

    Non me lo dire 1 marzo 2012 Non me lo dire
    Hysteria 17 febbraio 2012 Hysteria
    War Horse 8 febbraio 2012 War Horse
    Knockout - Resa dei conti 3 febbraio 2012 Knockout - Resa dei conti
    La verità nascosta 27 gennaio 2012 La verità nascosta
    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.