Nuvola di riso chef Giuseppe Mastrogiacomo - Foto Mazzotta
Nuvola di riso chef Giuseppe Mastrogiacomo - Foto Mazzotta
Oggi cucino io!

Speciale Ricette: una nuvola di dolcezza

Lo chef Giuseppe Mastrogiacomo propone il dolce "Nuvola di riso"

Per la rubrica "Oggi cucino io", giunta alla 33esima puntata, viene proposto un delizioso dolce con la ricetta dolce "Nuvola di riso", realizzata in collaborazione con lo chef Giuseppe Mastrogiacomo. Buona lettura e se la vista vi appaga… prendete pure appunti e provate la vostra "nuvola"!

33^ PUNTATA
Ricetta Dolce "Nuvola di Riso", in collaborazione con lo chef Giuseppe Mastrogiacomo.

PRESENTAZIONI
Sono Giuseppe Mastrogiacomo classe 1977. Innamorato dei fornelli fin da bambino, comincio il mio percorso in una nota pasticceria di Gravina. Poi frequento la scuola alberghiera a Bari dove, con lo chef e docente Antonio De Rosa, inizio le mie prime esperienze da commis di cucina in varie strutture del barese.
Subito dopo la scuola, parto per il Trentino, poi la Romagna, poi la Spagna e nuovamente in Romagna che diventa la mia seconda casa per circa 20 anni. Da qualche anno è nata una stretta collaborazione con lo chef Franco Aliberti, sostenitore della cucina a scarto zero.

RICETTA
La ricetta di oggi è una ciambella a base di olio extravergine d'oliva, con farina di riso; quindi un dolce che può essere tranquillamente gustato sia dai celiaci che dagli intolleranti al lattosio.

INGREDIENTI
Uova fresche intere 3
Zucchero semolato 240gr
Farina di riso 250gr
Olio extravergine d'oliva 130gr
Acqua naturale 130gr
Bacca di vaniglia 1
Buccia di limone 1
Pizzico di sale

PROCEDIMENTO:
Montiamo le uova intere con lo zucchero per circa 10 minuti. Quando la montata risulta ben spumosa, aggiungiamo i liquidi; nel frattempo con l'aiuto di un coltellino dividiamo in due la bacca ed andiamo ad estrarre i semi che troviamo all'interno aggiungendoli alla montata con la buccia del limone grattugiata.
Infine incorporare la farina di riso e mescolare bene per non creare grumi.
Versare la montata nello stampo desiderato, precedentemente oliato e spolverato con la farina di riso per tre quarti. Infornare a 180º per circa 30minuti.
Lasciamo raffreddare, poi sfornare e spolverare con zucchero a velo.

CONSIGLI DELLO CHEF
Le bacche della vaniglia non vanno buttate via. Possiamo riutilizzarle sia per una crema, oppure le mettiamo in una ciotola con dello zucchero semolato per qualche giorno e poi andiamo a frullare il tutto ottenendo un naturale zucchero a velo.


A cura di Angela Mazzotta
  • Cucina
Altri contenuti a tema
Ricetta Salata: un sandwich "local", dal cuore murgiano Ricetta Salata: un sandwich "local", dal cuore murgiano Ottimo come aperitivo, sfizioso per una pausa golosa
“Gli Amici della Salute”: un’altra partita all’insegna della prevenzione “Gli Amici della Salute”: un’altra partita all’insegna della prevenzione Iniziativa della Lilt, della scuola "S. Domenico Savio" e di "CookAmis D-Academy"
“Identità Murgiana: il paniere delle eccellenze” “Identità Murgiana: il paniere delle eccellenze” Nuova iniziativa della "D-Academy"
“Sushi che passione“, l'Oriente incontra il Mediterraneo “Sushi che passione“, l'Oriente incontra il Mediterraneo La gastronomia nell’Accademia di Cucina “CookAmis”
"Cuciniamo in amicizia – Lezione a 4 mani". "Cuciniamo in amicizia – Lezione a 4 mani". Percorso gastronomico dell'Accademia di Cucina "CookAmìs"
2 Alimentazione, due cuochi di Gravina in vetrina al SIAL di Parigi Alimentazione, due cuochi di Gravina in vetrina al SIAL di Parigi Esperienza molto positiva per Massimo Buono e Giovanni Cifarelli
Speciale Ricette Salate: un grande classico Speciale Ricette Salate: un grande classico Lo chef Gianfranco Pellicciari propone il "Cavatellino alla gravinese"
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.