panorama di Gravina
panorama di Gravina
La città

Green Connect, revocato il finanziamento?

Dubbi della consigliera Conca. Risposta degli assessori Vicino e Ferrante. “il progetto si farà”

E' possibile che il Green Connect, uno dei grandi progetti da realizzare attraverso il Pnrr che riguarda la città di Gravina, sia a rischio di finanziamento? Un progetto presentato tramite la città Metropolitana che riqualificherebbe, tra le altre zone, anche l'area antistante il plesso scolastico "Michele Soranno" e il parco di Via Alfieri.

Una perplessità manifestata dalla consiliare di minoranza Maria Conca. La rappresentante dei Cittadini Gravinesi ha insinuato il dubbio in seguito alle parole rilasciate dal ministro Raffaele Fitto che- a detta della consiliare di opposizione- avrebbe affermato di voler "definanziare" il progetto.

"Il sindaco dovrebbe cercare di capire se il green connect è ancora da continuare e se il finanziamento arriverà, oppure no" -aveva affermato Maria Conca, sollecitando una risposta dall'amministrazione. Risposta che non si è fatta attendere e che è arrivato a stretto giro per bocca degli assessori Leo Vicino e Filippo Ferrante.

"I lavori del Green Connect si faranno perché i lavori sono stati già appaltati e non rientrano nelle rimodulazioni fatte da Fitto. Al momento non ci sono comunicazioni ufficiali della revoca del finanziamento. Quello che sappiamo ufficialmente è che la città metropolitana ha chiuso le procedure e il progetto è stato appaltato" - ha affermato l'assessore Vicino, a cui ha fatto seguito la dichiarazione dell'assessore ai lavori pubblici Filippo Ferrante.

"Non siamo rimasti passivi ad aspettare le decisioni del Governo. Abbiamo fatto riunioni con la Città Metropolitana, Anci e i sindaci dei comuni della provincia di Bari, dando mandato al sindaco Decaro di andare a Roma dal Ministro degli Interni, per chiedere un confronto sulle indiscrezioni che vendevano i Pui, Piani Urbani Integrati, essere definanziati rispetto al badget iniziale" - ha detto Ferrante, che poi ha aggiunto: "Al momento non c'è nulla di ufficiale, c'è anzi la conferma del finanziamento per 6,3 milioni. Non sappiamo quali siano le intenzioni future del governo, non abbiamo la sfera di cristallo, ma possiamo dire che sia il Ministro degli Interni, che il Ministro Fitto e il sindaco Antonio Decaro, ad oggi, hanno garantito che non verranno tolti i finanziamenti. Ma nel caso in cui dovrebbero essere revocati per esigenze di altra natura, hanno garantito che ci saranno altre somme del governo a disposizione del progetto".
  • Comune di Gravina in Puglia
  • Leo Vicino
  • cittadini gravinesi
  • filippo ferrante
Altri contenuti a tema
Pianificazione Urbana e Ristrutturazione Edilizia, secondo incontro Pianificazione Urbana e Ristrutturazione Edilizia, secondo incontro L'Amministrazione Comunale si confronta con la comunità per una definizione condivisa di sviluppo della città
1 Candidatura Capitale Cultura 2027, cercasi esperto Candidatura Capitale Cultura 2027, cercasi esperto Un soggetto autorevole che si occupi della preliminare progettazione del processo di candidatura
Codice comportamento dipendenti comunali, avviso del Comune Codice comportamento dipendenti comunali, avviso del Comune Coinvolgimento della comunità con proposte e osservazioni entro il 22 febbraio
Primo appuntamento con la legge regionale 36/2023 Primo appuntamento con la legge regionale 36/2023 A Palazzo di Città un Tavolo tecnico su pianificazione urbana e ristrutturazione edilizia
4 Pianificazione Urbana e Ristrutturazione Edilizia, se ne discute al Comune Pianificazione Urbana e Ristrutturazione Edilizia, se ne discute al Comune Condivisione e partecipazione per costruire la Gravina di domani alla luce della nuova legge regionale 36 del 2023
Il Comune partecipa al Bando Inte.R.SS.eca Il Comune partecipa al Bando Inte.R.SS.eca Per realizzare interventi su infrastrutture adibite ai servizi sociali e socio-assistenziali
Il Comune aderisce all’avviso per assunzione personale Il Comune aderisce all’avviso per assunzione personale Si chiedono tre unità a tempo indeterminato da utilizzare per i progetti europei per la coesione
18mila mq al CIM per una Zona Franca Doganale 18mila mq al CIM per una Zona Franca Doganale Il Comune ha assegnato l’area in zona Pip per consentire al Consorzio la partecipazione al bando della Zes
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.