emergenza cinghiali parco alta murgia
emergenza cinghiali parco alta murgia
Territorio

Cinghiali, ancora sospese le catture

Si prospetta un'altra annata agricola e orticola con la difficile convivenza

L'annata agricola e orticola si presenta con gli stessi presupposti delle precedenti: l'eccessivo numero di capi di cinghiali. Gli animali devono bere e cibarsi. Lo sfogo naturale sono le colture e i campi agricoli. Con tutte le conseguenze a carico di agricoltori, allevatori e per i cosiddetti orticoltori "hobbisti" che curano piccoli fondi di campagna.

Sono ancora sospese le catture all'interno del Parco dell'Alta Murgia, è l'unica modalità utilizzata per contenere la specie poiché la caccia è vietata. Ma da due anni si procede a singhiozzo e quindi non c'è contenimento della popolazione.

Nel 2019, con il varo del "Piano del cinghiale", nell'area protetta la presenza del cinghiale era stimata in circa 3500 esemplari, con una distribuzione maggiore nei complessi boscati. Con quelle catture si era verificato un primo contenimento della specie. Poi è arrivata l'emergenza da Covid-19 e anche questa attività selettiva si è fermata. Nello scorso autunno c'è stata una ripresa ma poi sono subentrate delle regole ferree in tutta Italia a causa dell'infezione di peste suina e africana che ha riguardato finora il Piemonte e la Liguria e c'è stato un nuovo stop.

Bisogna anche ricordare che solo all'interno del Parco viene effettuato un censimento della popolazione del cinghiale. Nel resto del territorio non c'è alcun monitoraggio. E per i cinghiali non esistono confini o limiti amministrativi, cercano il loro nutrimento sia nei territori dell'area protetta che in altri.
  • Ente Parco Nazionale dell'Alta Murgia
  • Cinghiali
  • Caccia
Altri contenuti a tema
Motocross nel Parco dell’Alta Murgia Motocross nel Parco dell’Alta Murgia Carabinieri Forestali sanzionano tre motociclisti
Presentazione piano per l'ospitalità sostenibile Presentazione piano per l'ospitalità sostenibile Incontro presso la sede del Parco Nazionale dell'Alta Murgia
Il sindaco Lagreca nel Consiglio direttivo Parco Alta Murgia Il sindaco Lagreca nel Consiglio direttivo Parco Alta Murgia Giovanna Bruno, sindaca di Andria, eletta vicepresidente della Comunità del Parco
Nel Parco dell’Alta Murgia un progetto per custodire zone umide Nel Parco dell’Alta Murgia un progetto per custodire zone umide Quattro pubblicazioni illustrano il patrimonio di biodiversità racchiuso nelle zone umide del Parco
Il Parco dell’Alta Murgia intende potenziare la connettività Il Parco dell’Alta Murgia intende potenziare la connettività Un incontro a Gravina presso la sede dell’ente
1 No alla caccia di selezione in aree protette e all' aumento dei giorni di caccia No alla caccia di selezione in aree protette e all' aumento dei giorni di caccia L’appello di 200 associazioni alla Regione Puglia
Presentato il nuovo calendario del Parco dell’Alta Murgia Presentato il nuovo calendario del Parco dell’Alta Murgia Nel 2024 in programma fiera nazionale dei parchi e del turismo green e esito candidatura a Geoparco UNESCO
Coldiretti, Cinghiali: selecontrollori a caccia anche in aree protette Coldiretti, Cinghiali: selecontrollori a caccia anche in aree protette Si stima siano oltre 250mila gli esemplari presenti nella regione
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.