Una speranza per il parco archeologico

L'assessore regionale Barbanente: "Pronti a intervenire"

Si riaccendono i riflettori su Botromagno


REDAZIONE GRAVINALIFE
Mercoledì 1 Agosto 2012 ore 8.57

Il parco archeologico tornerà a vivere.

Per il momento è solo un'idea, ma dopo l'estate potrebbe trasformarsi in fatti e soprattutto in un progetto da candidare ad un probabile finanziamento regionale. Almeno stando a quanto riferito a Gravinalife dall'assessore regionale alla qualità del territorio Angela Barbanente, che nei giorni scorsi ha incontrato l'assessore comunale alla cultura, Laura Marchetti, per fare il punto della situazione e studiare nuove ipotesi di recupero del parco.

Nelle prossime settimane i due assessori si rivedranno per discutere e soprattutto mettere nero su bianco le iniziative da intraprendere per ridare innanzitutto dignità all'intera area archeologica, per passare successivamente alla fase più importante: rendere fruibile a turisti e studiosi una delle aree archeologiche più importanti del mondo per estensione (430 ettari) e per la straordinaria rilevanza dei reperti ritrovati.

Il parco archeologico sulla collina di Botromagno, infatti, attesta la presenza dell'uomo nel nostro territorio sin dal Neolitico. Ad oggi, però, ciò che resta del parco è nascosto sotto cumuli di spazzatura. Una vergogna ultradecennale, cominciata nel lontano 1985 con l'istituzione da parte del consiglio comunale del parco archeologico di Botromagno e lo stanziamento di oltre 20 miliardi delle vecchie lire da parte del Cipe. Ottenuto il finanziamento, nasce la società consortile "Sidinon", che unisce sotto un'unica insegna il Comune di Gravina, socio di maggioranza, la società "Sidin" e il Consorzio di bonifica Terre d'Apulia. Nell'atto costitutivo si evidenziano compiti e obblighi per la società "Sidin" che si impegna a gestire il Parco per i nove anni successivi senza oneri aggiuntivi per le casse comunali. L'entusiasmo dura poco e le speranze si infrangono nel 1999 su un rapporto redatto dalla direzione lavori con cui si evidenzia lo stato precario delle opere con molte strutture non ancora realizzate nonostante i fondi siano stati dilapidati. A dieci anni dall'inizio dei lavori mancano le strutture primarie al Parco di Bruno (attualmente ancora al centro di un procedimento giudiziario tra amministrazione e proprietari per rivendicarne la proprietà) e molte tombe non sono ancora state restaurate. Mancano i cartelli informativi sul sito e la campagna di comunicazione e pubblicizzazione del parco, prevista per contratto, è praticamente inesistente. L'unico risultato è che l'intera area archeologica è diventata inaccessibile a cittadini e turisti.
Nel 2004 nell'ambito dell'operazione "Stargate", condotta dal nucleo dei carabinieri per la tutela del patrimonio, l'intera zona viene posta sotto sequestro dando inizio ad un procedimento giudiziario tutt 'ora in coro, nel quale il Comune non si è mai costituito parte civile. Una scelta che lascia quantomeno perplessi se a questo si aggiunge che la Procura nel 2005 ha disposto il dissequestro per la collina di Botromagno, il Parco di Bruno e la strada Santo Stefano, concedendo al Municipio di riprendere i lavori con la collaborazione ed il controllo della stessa Procura e della Soprintendenza archeologica.

Le cronache di questi ultimi anni ci raccontano solo opere di pulizia e manutenzione ordinaria. Da Palazzo di città in tanti confermano che il capitolo parco archeologico non è mai entrato nell'agenda politica delle ultime amministrazioni: se ieri la scusa era il sequestro, oggi è la mancanza di fondi. Adesso l'interessamento della Regione Puglia. Non resta che aspettare. Ancora.

scozzese il 2 agosto alle 22.21
Spero che adesso ci sia la persona giusta al momento giusto ,finiamola di parlare di giustizia e denunce ma rimbocchiamoci le maniche ,e lavoriamo tutti per il bene della nostra città . Buon lavoro assesore ai tutto lapoggio nostro.MIchele Dimattia (uscozzes)
Utente Facebook
Montaruli Michele l'1 agosto alle 17.20
spero che la giustizia faccia il suo corso e che i colpevoli vengano condannati cosi gravina ritorna ad avere il suo magnifico parco .
I commenti rappresentano le opinioni personali dei lettori di GravinaLife e non dell'editore o degli autori.
Facebook:
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio.
Rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo.
ARTICOLI PIU' LETTI DI RECENTE:
RACCOGLITORI SPECIALI RECENTI:
RUBRICHE AGGIORNATE:

parco archeologico
Feed Rss
ABBONATI GRATIS FEED RSS + NEWSLETTER + SMS

CONTENUTI CORRELATI

Altri contenuti recenti
Gravinalife.it è una testata giornalistica registrata. Direttore responsabile Francesco Dipalo