Oggi sereno
Temperature 8.415.7


Il sasanello gravinese diventa prodotto tradizionale

Un biglietto da visita della cucina italiana di qualità

Obiettivo: incrementare il paniere dei prodotti tradizionali


iconamarinadimattia.jpg
MARINA DIMATTIA
Sabato 14 Luglio 2012 ore 13.30

Farina, zucchero, vincotto, buccia di arancia grattugiata, cannella, chiodi di garofano e cacao. Le varianti non mancano. Ma questi sono gli ingredienti principali del sasanello tutto gravinese.

Buono, raffinato e ora anche Pat, prodotto agroalimentare tradizionale. Con decreto ministeriale del 20 giugno 2012 il "sasanello gravinese" è stato inserito nell'elenco dei prodotti tradizionali pugliesi. Un biglietto da visita della cucina italiana di qualità. Con l'acronimo P.A.T. s'intendono, infatti, quei prodotti agroalimentari le cui metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura risultino consolidate nel tempo, omogenee per tutto il territorio interessato, secondo regole tradizionali, per un periodo non inferiore ai venticinque anni.

Promotrice dell'iniziativa l'associazione culturale Murgia Madre (food, culture, territory), "che da tempo si prodiga nella valorizzazione della tipicità del territorio della Murgia Alta", si legge nel comunicato a firma del presidente della medesima associazione, Antonio Cucco.
Soddisfatto il dott Cucco: "Con lo status di tradizionalità il prodotto viene censito, ne viene registrato il nome e standardizzata la ricetta. E' questa la strada giusta per fare di Gravina una slow city".

Con il vino bianco GRAVINA D.O.C., i numerosi vini I.G.T., la salsiccia a punta di coltello dell'Alta Murgia, la "pizznte", il pallone di gravina e il sasanello gravinese, il paniere dei prodotti tipici locali diventa più corposo e attraente. Prossimo obiettivo di Murgia Madre: incrementare ulteriormente la rosa dei prodotti tradizionali, per un paniere di specialita' che diventa sempre piu' copioso.

marassi il 16 luglio alle 16.41
Io credo che bisogna fare una distinzione tra orgoglio e vanità. essere orgogliosi della poria terra, dei suoi prodotti, della sua storia e cultura è ampiamente condivisibile nella sfera di quello che può definirsi orgoglio cittadino. La vanità, invece, attiene alle persone. E' un sentimento, come l'orgoglio. Solo che l'orgoglio non è sempre e solo riferito alla persona o alla sua personalità; la vanità, invece, è esclusivamente personale, soggettiva. Conclusione: orgoglio e vanità non vanno d'accordo, al contrario di come concide, purtroppo, quella dei due protagonisti.
Utente Facebook
Antonio Cucco Fiore il 16 luglio alle 00.12
capone sei fuori strada. Le ricerche, l'anilisi organolettica l'hanno fatta le giovani e i giovani professionisti che fanno parte di Murgiamadre, 8 panificatori hanno dato ok al disciplinare. La richiesta è stata presentata in regione in marzo 2012. Guardati il link. Sei tu che sei in continua ricerca di visibilità. Qndo farai anche tu una richiesta per annoverare un prodotto con lo status PAT. Se avrà le caratteristiche potrai gioire personalmente. Adesso gioisci per la città che ha incassato qsta minima vittoria. Saluti.
http://issuu.com/antucco/docs/sasanellogravinese?mode=window&pageNumber=1
Utente Facebook
Michele Capone il 16 luglio alle 15.56
Sono solo daccordo a gioire per aver incassato questa vittoria.Gioirò un po di piu' quando porterai da LONDRA ordini di PALLONI E SASANELLI, non chiacchiere.
  Non è possibile rispondere a messaggi troppo vecchi
Utente Facebook
Michele Capone il 14 luglio alle 18.57
Troppi personalismi, troppi meriti ingiustificati.
Promotori, beneficiari e controllori di questi prodotti sono degli imprenditori del settore che nulla hanno a che fare con personaggi in cerca di visibilità personale.
Questi operatori sono riuniti nel Consorzio Operatori Agro Alimentare della Murgia e dal 2009 hanno avvito le richieste di certificazione di diversi prodotti tipici agroalimentari tra cui il Pallone di Gravina, riconosciuto nel 2011 e il sasanello gravinese riconosciuto in questa nuova edizione della pubblicazione dei prodotti con riconoscimento Ministeriale.
A noi operatori fa sempre piacere se Enti pubblici e privati cittadini fano tutto il possibile per aiutarci a promuovere e commecializzare il nostri prodotti, ma cerchiamo di non santificare nessuno perchè molti altri hanno dedicato molto piu' tempo e investito molti soldi per raggiungere questi minimi obiettiivi.
C.O.AGRI.MURGIA. - Gravina in Puglia -
Pinuccio il 14 luglio alle 15.55
"Promotrice dell'iniziativa l'associazione culturale Murgia Madre (food, culture, territory), che da tempo si proroga nella valorizzazione della tipicita' del territorio della Murgia Alta". Nel leggere, però, la notizia e relativamente al brano riportato, mi è sorto un dubbio: "che da tempo si prodiga o che da tempo si proroga? E se è valida la seconda ipotesi, che significa? Ancora dal brano: nella valorizzazione della tipicità o delle tipicità? Visto che i prodotti son più d'uno? Qual è la forma più confacente al caso? Poi,plaudire non costa nulla, se non altro perchè dopo tutto quello che stiamo perdendo, come città, a vantaggio di qualche altra del territorio, fa piacere pensare che non tutto è perduto. Anche se fra i prodotti c'è quello che è stato dei pezzenti, quello che, purtroppo, continuiamo ad essere agli occhi degli altri.
gravinae il 14 luglio alle 13.28
Complimenti ai responsabili di questo risultato.
I commenti rappresentano le opinioni personali dei lettori di GravinaLife e non dell'editore o degli autori.
Facebook:
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio.
Rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo.
ARTICOLI PIU' LETTI DI RECENTE:
RACCOGLITORI SPECIALI RECENTI:
RUBRICHE AGGIORNATE:

Il sasanello gravinese diventa prodotto tradizionale
Feed Rss
ABBONATI GRATIS FEED RSS + NEWSLETTER + SMS

CONTENUTI CORRELATI

Altri contenuti recenti
Gravinalife.it è una testata giornalistica registrata. Direttore responsabile: Francesco Dipalo - Coordinatore editoriale delle testate a marchio LIFE: Antonella Testini